Venezia Updates: abbiamo scovato il padiglione dedicato sito AirBnb. Ecco le foto e i video da un appartamento in affitto

Deve cercare nuove strade di comunicazione AirBnb. Anche perché, come molti servizi 2.0 di successo (si pensi ad Uber), è costantemente sotto il fuoco di fila dei sistemi economici tradizionali sui quali è intervenuto. Ad esempio, negli Stati Uniti, si sta cercando quasi si mettere fuori legge questo servizio che in tutto il mondo ha […]

Deve cercare nuove strade di comunicazione AirBnb. Anche perché, come molti servizi 2.0 di successo (si pensi ad Uber), è costantemente sotto il fuoco di fila dei sistemi economici tradizionali sui quali è intervenuto. Ad esempio, negli Stati Uniti, si sta cercando quasi si mettere fuori legge questo servizio che in tutto il mondo ha cambiato il modo di vivere la propria prima o seconda casa e la condivisione che se ne fa.

Proprio su questi temi AirBnb è stato quest’anno oggetto di un progetto indipendente, un  “padiglione” allestito in un appartamento non lontano da Palazzo Grassi (ma la location è rimasta a lungo segreta o comunque poco divulgata). Anche per rispondere alle domande su quale sia il contributo e l’apporto che il famoso sito di case in affitto ha dato al mondo dell’architettura aprendo (con foto spesso professionali e di qualità) gli appartamenti di tutto il mondo e pubblicandoli su internet. Nell’appartamento – disponibile in affitto proprio su AirBnb – sono state allestite piccole opere di decine di artisti e architetti sul tema della casa e della domesticità.

www.airbnbpavilion.com

 

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Anna

    A dire la verità Airbnb non c’entra nulla. Sono stati tre architettuncoli da strapazzo ad approfittare del nome del marchio per organizzare uno degli eventi più cheap di questi tre giorni: il padiglione consisteva di quattro stampine malfatte e una comunicazione ambigua che infatti ha fregato anche voi di Artribune. L’evento tra l’altro è stato chiuso con un giorno di anticipo, pare per problemi col padrone del bed&breakfast e con la stessa Airbnb Italia. Ho visto io stessa gli organizzatori fuggire alla chetichella (una scena penosa).
    Capisco che ognuno voglia approfittare della luce riflessa derivante dalla Biennale, ma quando è troppo è troppo. E voi di Artribune la prossima volta informatevi meglio