Tu sei qui. Il volto della città negli occhi di chi la abita. A Udine un laboratorio artistico a cielo aperto, insieme ai cittadini

L’arte contemporanea esce dai musei e coinvolge abitanti, negozianti e passanti. Arte a disposizione della collettività, per creare autentica aggregazione. Questo l’obiettivo dell’associazione culturale Modo di Udine, che promuove il laboratorio “Tu sei qui”, con il patrocinio del Comune e della rete Giovani Artisti Italiani. Dal 26 giugno al 2 luglio 2014 si ritroveranno venti […]

Tu sei qui, ©pz_artlab

L’arte contemporanea esce dai musei e coinvolge abitanti, negozianti e passanti. Arte a disposizione della collettività, per creare autentica aggregazione. Questo l’obiettivo dell’associazione culturale Modo di Udine, che promuove il laboratorio “Tu sei qui”, con il patrocinio del Comune e della rete Giovani Artisti Italiani. Dal 26 giugno al 2 luglio 2014 si ritroveranno venti giovani artisti da tutta Italia, che useranno una via cittadina come atelier a cielo aperto, dove le opere resteranno esposte per una settimana, creando un nuovo paesaggio urbano. L’obiettivo: riconcepire le dinamiche di vita della città insieme alle persone, che hanno messo a disposizione i loro spazi, contribuendo anche con una operazione di crowdfunding.
Due gli eventi serali: “Storie Artistiche”, in cui gli artisti racconteranno il proprio lavoro, e l’appuntamento conclusivo durante cui le opere saranno presentate alla cittadinanza col loro diretto coinvolgimento. “Tu sei qui è il nostro modo di sostenere l’arte, la creatività e la cultura, e anche una forma di cittadinanza attiva che modifica il transito distratto dei cittadini. E’ una sfida giocata in modo più o meno folle” raccontano i responsabili dell’associazione. Una realtà che promuove il confronto tra passioni, talenti e idee di giovani creativi, per ripensare i contesti cittadini oltre l’apparenza, in quanto agglomerati di relazioni sociali, affettive, culturali tra residenti.

 –  Elena Gasparri

www.associazionemodo.it

CONDIVIDI
Elena Gasparri
D’origine friulana, Elena Gasparri studia storia dell’arte contemporanea nella Capitale. In qualità di guida museale e accompagnatrice si è occupata del progetto di didattica museale presso il Centro Diurno Psichiatrico Roma E. In ambito giornalistico inizia dalla critica cinematografica e musicale per alcune testate italiane di nicchia e la rivista canadese Città Magazine, per poi interessarsi analogamente al mondo dell’arte contemporanea: nella molteplicità delle sue declinazioni, predilige un orientamento sperimentale, crossmediale e di contaminazione con ulteriori linguaggi artistici. Parallelamente porta avanti i propri progetti nell’ambito della narrativa e della poesia.
  • EugenioSantoro

    Grazie!