Ritratto di un artista da giovane, nelle parole di un talk. Giovanni Gaggia a Palazzo Giannini, per il ciclo Effetto Farfalla. Report e immagini

Sontuosi palazzi storici che spalancano le proprie porte al pubblico. Aperture straordinarie, per accogliere arte, cultura, nuova bellezza. Accade, ogni tanto, ed è accaduto lo scorso 14 giugno a Pergola, in provincia di Pesaro e Urbino, dove Palazzo Giannini ha ospitato la prima tappa di Effetto Farfalla, dopo il numero zero, che lo scorso marzo aveva […]

Effetto Farfalla, con Giovanni Gaggia - Palazzo Giannini, Pergola

Sontuosi palazzi storici che spalancano le proprie porte al pubblico. Aperture straordinarie, per accogliere arte, cultura, nuova bellezza. Accade, ogni tanto, ed è accaduto lo scorso 14 giugno a Pergola, in provincia di Pesaro e Urbino, dove Palazzo Giannini ha ospitato la prima tappa di Effetto Farfalla, dopo il numero zero, che lo scorso marzo aveva visto protagonista Andrea Guerzoni e il suo rapporto con Carol Rama. L’incontro si è sviluppato anche stavolta in forma di conversazione intima, incentrata sull’urgenza del fare artistico e sulla scelta di un preciso luogo di vita e di lavoro. Al centro, introdotto dalla curatrice Giovanna Giannini Guazzugli e intervistato da Loretta Di Tuccio della romana Galleria Rossmut, c’era l’artista Giovanni Gaggia, fondatore dello spazio Casa Sponge, un casolare in cui vivere, lavorare, produrre eventi, incontri, mostre, immerso nel verde delle colline marchigiane.
Gaggia, in un confronto amichevole e diretto, ha ribadito il suo legame con Pergola ed il territorio circostante, terra di origine e di radici, forte di ispirazione creativa e di riflessione intorno al bello, al paesaggio, alle relazioni personali. Un legame confermato anche dai riferimenti al maestro pergolese Walter Valentini e dall’invito rivolto al prof. Giorgio Bramante Donini, artista e insegnante di Gaggia presso la Scuola del Libro di Urbino: un ospite speciale, che con ironia e toni da affabulatore ha fornito il suo personale ritratto dell’artista da giovane.

– Valeria Carnevali

 Palazzo Giannini
Piazza Garibaldi 1, Pergola

www.spongeartecontemporanea.net

 

CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Marchigiana, dopo la laurea in Lettere Moderne conseguita a Urbino nel 1999 con una tesi in Storia dell’Arte Contemporanea, si stabilisce a Milano lavorando per diversi anni nel settore dell’editoria d’arte e collaborando con gallerie e spazi espositivi. Tornata a Fabriano nel 2007, si laurea in Scienze della Formazione Primaria, continuando a occuparsi di arte e cultura del presente, con particolare interesse per la didattica e l’educazione all’arte (e attraverso l’arte) contemporanea. È attualmente insegnante nella scuola primaria e curatore artistico. Nel 2016 fonda l’associazione Art comes to Town. Scrive per Artribune dal 2012.