Lo Strillone: i mecenati stranieri che nessuno conosce su Corriere della Sera. E poi Pompei sciopera, Treccani in rosso, parte La Milanesiana…

Si chiamano Yazi, Packard, Pritzker. Sono i filantropi stranieri che, spesso senza nemmeno il conforto della visibilità pubblica, donano forte somme per salvare il patrimonio culturale italiano: grazie a loro sono ancora in piedi Ercolano  e la Piramide Cestia. Le loro motivazioni su La Repubblica, dove si legge di un’altra chiamata alle armi: bisogna intervenire […]

Quotidiani
Quotidiani

Si chiamano Yazi, Packard, Pritzker. Sono i filantropi stranieri che, spesso senza nemmeno il conforto della visibilità pubblica, donano forte somme per salvare il patrimonio culturale italiano: grazie a loro sono ancora in piedi Ercolano  e la Piramide Cestia. Le loro motivazioni su La Repubblica, dove si legge di un’altra chiamata alle armi: bisogna intervenire per tutelare la certosa di Trisulti. Intanto La Stampa giubila per l’ingresso di Langhe e Roero nella lista dei Patrimoni UNESCO.

Grida allo scandalo Antonio Polito sulla prima pagina del Corriere della Sera nel commentare l’assurdità degli scioperi mascherati da assemblee sindacali con cui i custodi negano Pompei ai turisti. E nella cronaca, dove si ricostruisce la vicenda, arriva la minaccia di Bonanni: commissariamento per la locale cellula della CISL. E Libero attacca Giuliano Amato: da che è diventato presidente della Treccani la storica istituzione ha bruciato oltre otto milioni di euro di perdite.

Cento anni di mito Maserati in mostra a Modena e su Il Sole 24Ore; parte oggi La Milanesiana: il calendario su Il Giornale. Marilyn Monroe, Andy Warhol e Willem de Kooning: triangolo intrigante quello di Tommaso Pincio, tra gli autori dei racconti dedicati al concetto di immagine che Donzelli pubblica sotto il titolo Nell’occhio di chi guarda. Preview su L’Unità.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala