Io ballo da sola, in galleria. Finissage con performance di Massimo Grimaldi da Co2 a Torino: per chiudere la mostra-concept sullo scrittore Guido Morselli

Con un dispositivo musicale di Massimo Grimaldi che si animava sulle note di Daft Punk e affini si è conclusa la sera del 31 maggio da Co2 a Torino To Meggy Weiss Lo Surdo Happy Hours, una mostra concept curata da Marianna Vecellio che ruotava intorno all’immaginario fantascientifico dello scrittore Guido Morselli, i cui libri […]

Con un dispositivo musicale di Massimo Grimaldi che si animava sulle note di Daft Punk e affini si è conclusa la sera del 31 maggio da Co2 a Torino To Meggy Weiss Lo Surdo Happy Hours, una mostra concept curata da Marianna Vecellio che ruotava intorno all’immaginario fantascientifico dello scrittore Guido Morselli, i cui libri sono stati pubblicati postumi a partire dal 1973, anno del suo suicidio, e riuniva le opere dello stesso Grimaldi, Michelangelo Pistoletto, David Horvitz, Renato Leotta, Santo Tolone, Magali Reus.

La performance di Grimaldi è consistita nell’attivare la sua installazione March 2013 Playlist, un parallelepipedo di stampo minimalista anni ‘60 che aveva già presentato un anno fa alla galleria milanese Zero…, rivisitando l’opera appositamente per la serata. Mentre per tutta la durata della mostra la struttura in metacrilato trasmetteva, a intervalli regolari di 10 minuti, i 20 brani del suo “autoritratto” contenuti nell’iPod nano in totale solitudine, per il finissage Grimaldi ha pensato di inserire dentro la scatola una ragazza in carne e ossa che ogni 3 minuti si alzava dalla sua postazione, lasciando momentaneamente il suo calice di vino, per ballare sulle note di una nuova playlist. Ecco il video che ne documenta le fasi…

– Claudia Giraud

www.co2gallery.com

 

 

  • tale santa olone

    Scusate e il ricavato della serata non andava ad Emergency? Grima…grima…