Demanio Marittimo.Km-278 riscopre “Il lusso della scarpetta”. Il giovanissimo Davide Won vince il concorso di street food e inventa il piatto ufficiale dell’evento

Si avvicina lo start per la quarta edizione di Demanio Marittimo.Km-278, evento della lunga notte di Marzocca, a Senigallia, consumato in riva al mare. Il prossimo 18 luglio, dal tramonto all’alba, si ripeterà il fortunato format, che vede insieme ospiti dal mondo dell’arte, del design, dell’architettura, dell’editoria, per un palinsesto fatto di talk, progetti, proiezioni, performance. […]

Davide Won all'opera tra i fornelli

Si avvicina lo start per la quarta edizione di Demanio Marittimo.Km-278, evento della lunga notte di Marzocca, a Senigallia, consumato in riva al mare. Il prossimo 18 luglio, dal tramonto all’alba, si ripeterà il fortunato format, che vede insieme ospiti dal mondo dell’arte, del design, dell’architettura, dell’editoria, per un palinsesto fatto di talk, progetti, proiezioni, performance. E poi c’è il cibo. Da sempre centrale, grazie alla presenza del super chef Mauro Uliassi, impegnato ogni anno a presentare al pubblico di Demanio i suoi esperimenti di street food, raffinatissimi. Ma da questa edizione il campo del food diventa ancora più centrale, con il concorso lanciato in primavera e rivolto agli studenti di tutte le scuole alberghiere d’Italia. La sfida: inventarsi il piatto ufficiale della maratona da spiaggia targata Gagliardini editore, da sottoporre al giudizio di Uliassi e di Moreno Cedroni, altro notissimo chef del luogo,  patron del ristorante Madonnina del Pescatore, aperto proprio sul lido di Marzocca.

Mauro Uliassi nella postazione street food, a Demanio Marittimo.Km-278
Mauro Uliassi nella postazione street food, a Demanio Marittimo.Km-278

I due hanno vagliato tutte le proposte giunte, incoronando vincitore Davide Won, diciassettenne dell’Istituto Alberghiero IPSEOA Pellegrino Artusi di Roma. Un piatto che cita la classica “scarpetta” e allo stesso tempo il sasso, icona e marchio dell’evento: “Il lusso della Scarpetta”, così lo ha battezzato il giovane apprendista cuoco, ha vinto per l’originalità, per il binomio tra qualità e basso costo, per la ricerca del rapporto col territorio, per i criteri di facilità realizzativa e distributiva, per la creatività usata nel packaging e nella comunicazione.  In giuria c’erano anche Cristiana Colli, curatrice di Demanio Marittimo.Km-278, Laura di Pietrantonio del Gambero Rosso, Paola Curzi, assessore del Comune di Senigallia.
Cosa c’è dunque nell’esperimento culinario di Davide Won? Una combinazione di vongole, moscioli selvatici, alghe agrodolci, brodo di molluschi e cipollotto, pane aromatizzato secco e scorza di limone, servita su piatto biodegradabile Wasara. Il gusto è tutto a scoprire, acquistandone una porzione in una magica notte di luglio, al costo di soli 5 euro.

– Helga Marsala

 www.mappelab.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.