Cosa sono il cinema espanso performativo? Le risposte da Napoli, con la quattordicesima edizione dell’Independent Film Show, sul belvedere del Museo Nitsch

Giunge alla sua quattordicesima edizione a Napoli l’Independent Film Show, rassegna curata da Raffaella Morra e interamente dedicata al cinema sperimentale indipendente, che si svolge nel periodo estivo sul Belvedere del Museo Nitsch, quest’anno dal 26 al 28 giugno. Il cinema espanso, multimediale e ipertestuale, è più vicino alla sperimentazione visiva che al cinema classico, […]

Giunge alla sua quattordicesima edizione a Napoli l’Independent Film Show, rassegna curata da Raffaella Morra e interamente dedicata al cinema sperimentale indipendente, che si svolge nel periodo estivo sul Belvedere del Museo Nitsch, quest’anno dal 26 al 28 giugno. Il cinema espanso, multimediale e ipertestuale, è più vicino alla sperimentazione visiva che al cinema classico, in quanto il piano dell’espressione conduce a una molteplicità di forme e sostanze che convivono e si muovono all’interno del piano stesso. Ogni singola immagine contiene testo, fotografia, forme in movimento sovrapposte, inserti di pieni e vuoti, trasparenze temporanee, tutti elementi che combinati insieme costruiscono un unico spazio. La sintassi visiva non risponde al principio di trasparenza o al realismo ontologico ma alla logica dell’ipermediazione. Il montaggio viene fuori da una mescolanza tra il metodo classico e quello non lineare, non sequenziale, fatto di immagini che si sovrappongono e schermi che si moltiplicano all’infinito.
E l’Independent Film Show si pone in questa ottica, proponendo lavori che riflettono sull’attività del guardare e la sua capacità di rinnovare l’immaginario singolo e collettivo. Film, video e lavori di cinema espanso performativo che vedono coinvolti filmmaker, performer e musicisti stranieri come Les Nominoe e Phill Niblock, giusto per fare qualche nome. Pensato come un ritrovo di appassionati di cinema e non come un festival in grande, l’evento ha l’intento di aprire una breccia nei limiti della visione tradizionalmente adottata dal cinema, al fine di calare lo spettatore in dimensioni intuibili non più con la vista o l’udito ma tramite un’esperienza sensoriale intensa.

Francesca Blandino

Independent Film Show 14th edition
Dal 26 al 28 giugno 2014
Museo Nitsch
Vico Lungo Pontecorvo 29d – Napoli
www.museonitsch.org

CONDIVIDI
Francesca Blandino
Francesca Blandino nasce a Benevento nel 1986. Specializzata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università Suor Orsola Benicasa di Napoli, sviluppa un forte interesse per le pratiche artistiche rivolte al sociale. Nel 2012 frequenta il Master in Curatore Museale e di Eventi Performativi presso lo IED (Istituto Europeo del Design) di Roma, per approfondire le dinamiche curatoriali legate all’arte contemporanea e definire meglio la sua ricerca, intenta a scovare e creare quei piccoli mondi possibili in cui il cambiamento del sistema attuale delle cose può essere sovvertito, in quanto “l’opera d’arte rappresenta un interstizio sociale” (N. Bourriaud), uno spazio libero aperto verso possibilità altre. Attualmente lavora presso la Fondazione Morra – Museo Hermann Nitsch di Napoli.