Basel Updates: a scuola di gallerista. Si presenta a Liste l’innovativo Gallerist Programme, promosso dal centro olandese de Appel e da The Gallery Fair

Parla un po’ italiano uno dei progetti più originali visti in questi giorni di fair week svizzera: si chiama Gallerist Programme, viene presentato nell’ambito di Liste ed è il primo programma di sviluppo professionale per una giovane generazione di galleristi, organizzato dal centro artistico olandese de Appel – diretto da Lorenzo Benedetti, ecco l’aggancio all’Italia […]

Lorenzo Benedetti nello stand di Gallerist Programme (foto Kirsten de Graaf)

Parla un po’ italiano uno dei progetti più originali visti in questi giorni di fair week svizzera: si chiama Gallerist Programme, viene presentato nell’ambito di Liste ed è il primo programma di sviluppo professionale per una giovane generazione di galleristi, organizzato dal centro artistico olandese de Appel – diretto da Lorenzo Benedetti, ecco l’aggancio all’Italia – e da The Gallery Fair (gb agency, Parigi; Hollybush Gardens, Londra, Jan Mot, Bruxelles e Raster, Varsavia).
Negli ultimi nove mesi sei giovani professionisti dell’arte hanno partecipato a cinque intensive settimane di workshop, in diversi contesti del mercato dell’arte mondiale: da Amsterdam a Berlino, Londra, New York, Parigi, San Paolo e Varsavia, con incontri con collezionisti, artisti e galleristi e laboratori pratici sul mercato dell’arte. A Basilea vengono presentati risultati finali prodotti dai partecipanti, che sono Mia Laska, Alexander Mayhew, Aurelia Nowak, Maria Fidel Regueros, Diana Rodríguez e l’italiano Damiano Femfert. Nella gallery, alcune immagini dell’eclettico stand…

www.deappel.nl

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.