Arte in Centro. Nasce fra Abruzzo e Marche il nuovo network da segnalare agli art maniac in cerca di vacanze intelligenti: nove mostre, venti eventi collaterali, cento artisti internazionali

Nove mostre, venti eventi collaterali, cento artisti internazionali, nove curatori, più di dieci sedi espositive, due regioni, tre provincie, sette comuni, sei enti culturali per ottantasette giorni consecutivi. Sono questi i numeri della novità dell’estate, in tema di rassegne strutturate di arte contemporanea: parliamo di Arte in Centro, manifestazione presentata offi a Roma, che dal […]

Nove mostre, venti eventi collaterali, cento artisti internazionali, nove curatori, più di dieci sedi espositive, due regioni, tre provincie, sette comuni, sei enti culturali per ottantasette giorni consecutivi. Sono questi i numeri della novità dell’estate, in tema di rassegne strutturate di arte contemporanea: parliamo di Arte in Centro, manifestazione presentata offi a Roma, che dal 4 luglio al 28 settembre prossimi animerà con il territorio di Abruzzo e Marche. Un network che “risponde all’esigenza di unire forze e idee per dare vita a un sistema culturale integrato, in un territorio ricco di specificità – paesaggistiche, ambientali, urbane, ma anche enogastronomiche e culturali – che ha individuato nella propria unione un motore di innovazione e allo stesso tempo di valorizzazione delle singole identità”.
Ascoli Piceno, Teramo, Civitella del Tronto, Atri, Castelbasso, Loreto Aprutino e Pescara sono i punti di riferimento geografici di questo museo diffuso che, durante i tre mesi estivi, darà vita a un programma fatto di mostre, incontri con autori e artisti, concerti, spettacoli di teatro e danza, workshop e seminari per un percorso espositivo lungo più di cento chilometri. Un percorso che vedrà nelle mostre i suoi momenti clou, da Loretoview | Festival di Fotografia del Paesaggio, a cura di Vincenzo de Pompeis, Gaetano Carboni e Giorgio D’Orazio, a Loreto Aprutino, a quelle raccolte dal logo Visioni – Enzo Cucchi a Teramo, a cura di Giacinto Di Pietrantonio e Umberto Palestini, Gianluigi Colin a Civitella del Tronto, a cura di Umberto Palestini, Visione Territoriale ancora a Civitella del Tronto, a cura di Giacinto Di Pietrantonio. E poi Amalassunta Collaudi | Dieci artisti e Licini ad Ascoli Piceno, a cura di Christian Caliandro, penna storica di Artribune, fra molto altro: per il programma completo, comunque, vi rimandiamo al website che trovate sotto…

www.arteincentro.com

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.