Anche l’arte per i Mondiali in Brasile. All’Auditorium di Roma si inaugura la mostra Calcio d’autore: ecco qualche immagine in anteprima…

“Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l’unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro”. Questo scriveva Pier Paolo Pasolini, grande amante delle partitelle tra amici e accanito […]

Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l’unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro”. Questo scriveva Pier Paolo Pasolini, grande amante delle partitelle tra amici e accanito tifoso del Bologna. Parole che risuonano particolarmente attuali in questi giorni, alla vigilia del via ai campionati mondiali di calcio del Brasile: evento che come abbiamo visto, e come vedremo ancora nei mesi prossimi, ha coinvolto – potenza della comunicazione – da vicino anche le arti visive.
In questo clima si iscrive anche la mostra Calcio d’autore che, curata da Cecilia Casorati e Anna Cestelli Guidi, presenta a Roma, negli spazi dell’AuditoriumArte, una serie di installazioni, video, fotografie, suoni ispirati – da prospettive diverse – al calcio. Opere di autori come Elisabetta Benassi, Luca Vitone, Cesare Viel, Maurizio Cattelan, Michelangelo Pistoletto, Giancarlo Neri, Grazia Toderi, Fausto Delle Chiaie; e poi Gianni Piangentimi, che presenta documentazione e materile fotografico inedito della Partita Bianca, svolta a Foligno nel 2010, assieme ad un libricino dedicato al progetto, con frasi dedicate da Myriam Laplante, Franco Ottavianelli, Cesare Pietroiusti, Gian Maria Tosatti, Gea Casolaro, fra gli altri. L’inaugurazione è prevista oggi, 11 giugno, alle 19: ma noi abbiamo qualche immagine in anteprima, le trovate nella gallery…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • angelov

    Le parole di Pasolini riferite al calcio, citate all’inizio, dimostrano solo che anche i grandi, a volte, sanno prendere delle enormi cantonate.
    Cantonate? ah si, Cantona, Eric Cantona di Ken Loach, il film: Looking for Eric – “Il mio amico Eric”: bellissimo e da vedere…

    • prendete un pallone da calcio, in cuoio, tagliatelo quanto basta per infilarci la testa e in questo quasi buio respirate, respirate profondamente (titolo: l’arte nel pallone)