All’ombra della High Line. La Lisson Gallery sbarca a New York: il nuovo grande spazio espositivo a Chelsea sarà pronto per l’apertura nella prima metà del 2015

Quando una supergalleria del calibro di Lisson annuncia grandi novità, tutto l’artworld segue con attenzione; se poi questo annuncio avviene in concomitanza con la più importante fiera d’arte del globo, allora la eco si moltiplica a dismisura. Proprio per questo il fondatore, Nicholas Logsdail, sceglie di parlare nei giorni di Art Basel, per annunciare lo […]

La futura galleria Lisson a New York (foto Jason Schmidt)

Quando una supergalleria del calibro di Lisson annuncia grandi novità, tutto l’artworld segue con attenzione; se poi questo annuncio avviene in concomitanza con la più importante fiera d’arte del globo, allora la eco si moltiplica a dismisura. Proprio per questo il fondatore, Nicholas Logsdail, sceglie di parlare nei giorni di Art Basel, per annunciare lo sbarco della galleria con un nuovo spazio espositivo a New York.
E anche la location scelta è significativa: perché mentre gli ultimi trend della Grande Mela sembrano indirizzarsi verso Upper East Side, Lisson “torna” a scegliere Chelsea, dove si stanzierà in uno spazio di 800 metri quadrati fronte strada situato al 504 West 24th Street, giusto sotto la High Line, progettato in collaborazione con gli architetti Christian Wassmann e Markus Dochantschi. La galleria, che si aggiungerà – apertura prevista nella prima metà del 2015 – alle due londinesi e a quella milanese, sarà diretta dallo stesso Alex Logsdail, affiancato da due executive statunitensi, Jeannie Freilich e Angela Brazda.

www.lissongallery.com

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • pinoBarillà

    Sarà una supergalleria la Lisson….

    Ma non ci sono gallerie, musei e altri spazi al mondo in grado di veicolare l’arte in questo nuovo secolo.