Un workshop per costruire 8½, il teatro mobile pensato dallo studio orizzontale per il Maxxi di Roma. Progetto vincitore di YAP Maxxi 2014

Partecipato, collettivo, leggero, portatile. È il progetto vincitore di YAP MAXXI 2014, il programma di promozione e sostegno alla giovane architettura, giunto alla sua quarta edizione italiana e realizzato in collaborazione con MoMA/MoMA PS1 di NY, Constructo di Santiago del Cile, Istanbul Modern (Turchia) e MMCA National Museum of Modern and Contemporary Art di Seoul […]

8 ½ dello studio Orizzontale, progetto vincitore di YAP MAXXI 2014

Partecipato, collettivo, leggero, portatile. È il progetto vincitore di YAP MAXXI 2014, il programma di promozione e sostegno alla giovane architettura, giunto alla sua quarta edizione italiana e realizzato in collaborazione con MoMA/MoMA PS1 di NY, Constructo di Santiago del Cile, Istanbul Modern (Turchia) e MMCA National Museum of Modern and Contemporary Art di Seoul (Corea). A firmare è lo studio romano orizzontale, collettivo di architetti impegnato in una ricerca operativa sui processi di riattivazione degli scarti urbani. L’idea: realizzare una parete di 8 metri e mezzo che funzioni come  teatro mobile, macchina scenica e abitativa in cui ospitare eventi, spettacoli e una zona relax per il pubblico.
E se è il pubblico il vero protagonista di un progetto pensato come strumento di fruizione creativa,  il carattere partecipativo torna anche nella fase della realizzazione: grazie a due settimane di workshop – curate da orizzontale e rivolte a studenti e professionisti under 35 dei settori architettura, arte, design – 8 ½ prenderà forma nell’incastro tra proposte, talenti, abilità di ognuno dei partecipanti, chiamati a costruire gli allestimenti leggeri,  l’arredo mobile, gli elementi luminosi e  i dispositivi idrici dell’installazione. Tutto pronto a partire da giugno, con la possibilità di godersi per tutta l’estate la struttura e la programmazione culturale en plain air del Maxxi.

www.fondazionemaxxi.it
www.orizzontale.org

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.