New York Updates: sorpassa i 200 milioni di dollari l’asta di moderno di Sotheby’s. Top lot della serata per Picasso, Matisse, Monet e Giacometti

Seconda serata newyorchese a suon di milioni dedicata al moderno la sera del 7 maggio: Sotheby’s totalizza 219 milioni di dollari, sebbene la percentuale dei lotti venduti si attesti al 70%. Top lot per il Maestro indiscusso dell’Arte Moderna Pablo Picasso, con un’opera ispirata a Marie-Thérèse Walter del 1932, Le Sauvetage, aggiudicata a $31.5 milioni […]

Seconda serata newyorchese a suon di milioni dedicata al moderno la sera del 7 maggio: Sotheby’s totalizza 219 milioni di dollari, sebbene la percentuale dei lotti venduti si attesti al 70%. Top lot per il Maestro indiscusso dell’Arte Moderna Pablo Picasso, con un’opera ispirata a Marie-Thérèse Walter del 1932, Le Sauvetage, aggiudicata a $31.5 milioni ad un collezionista statunitense, partendo da una stima di $18 milioni. Quest’opera era stata venduta nel 2004 a $14.8 milioni.
Fortissima presenza di compratori asiatici in sala e ai telefoni, che si portano a casa quasi il 30% del catalogo, tra cui un’opera di Matisse, La Séance du matin, a $19,205,000, e un Claude Monet – Le Pont japonais – a $15,845,000. Quarto prezzo più alto per Alberto Giacometti con la scultura La Place, venduta a $13,045,000, mentre Femme de Venise V, un’altra scultura di Giacometti, questa proveniente dalla collezione Jan Krugier di cui erano presenti altre 11 opere a catalogo, viene battuta a $8,789,000. In totale, i 5 Giacometti in catalogo totalizzano $35.1 milioni.

Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.