Milano celebra la Finlandia, con Caffè Helsinki. Cinema, letteratura, musica, design, fotografia: un festival tutto dedicato alla cultura nordica, tra classico e contemporaneo

Milano parla finlandese. Diciotto giorni di full immersion tra suggestioni scandinave e cultura nordica. Caffè Helsinki è un Festival tematico, che tra il 26 maggio e il 12 giugno 2014 prenderà vita in alcuni importanti spazi pubblici e privati meneghini, tra cui GAM, Spazio Oberdan, Cascina Cuccagna, Biblioteca di Parco Sempione, Biblioteca Sormani, libreria Gogol&Company. […]

Pentii Sammalahti

Milano parla finlandese. Diciotto giorni di full immersion tra suggestioni scandinave e cultura nordica. Caffè Helsinki è un Festival tematico, che tra il 26 maggio e il 12 giugno 2014 prenderà vita in alcuni importanti spazi pubblici e privati meneghini, tra cui GAM, Spazio Oberdan, Cascina Cuccagna, Biblioteca di Parco Sempione, Biblioteca Sormani, libreria Gogol&Company.
Ideato e organizzato da Iperborea, con il contributo e il patrocinio di istituzioni italiane e finlandesi, Caffè Helsinki si affianca ad altre simili esperienze che hanno favorito, in Italia, la promozione culturale dei quell’area geografica: Caffè Amsterdam nel 2010, Caffè Copenaghen nel 2012 e Caffè Stoccolma nel 2013.
Cinema, letteratura, arte, musica, design, sono i cardini del progetto di quest’anno, che grazie a un calendario ricco di eventi e di pubblicazioni mette in campo una serie di ospiti internazionali. Sul fronte della letteratura, in programma una serie di incontri su e con autori finlandesi contemporanei, da Rosa Liksom (finalista del Premio Strega Europeo 2014 e vincitrice del Premio Finlandia 2011), a Kari Hotakainen, considerato il più importante scrittore finlandese vivente, noto per l’umorismo pungente e dissacrante; e ancora l’emergente Tuomas Kyrö, in dialogo col collega Marco Rossari, e la giovane Katja Kettu, già tradotta in tutta Europa. Spazio anche al classici, con le conferenze-spettacolo di Luca Scarlini dedicate alla vita del grande Mika Waltari e a Tove Jansson, autrice e artista di cui cade quest’anno il centenario della nascita.

Pentii Sammalahti
Pentii Sammalahti

Dal 4 al 6 giugno lo Spazio Oberdan ospita poi una rassegna sul cinema finlandese contemporaneo: spazio a una nuova generazione di cineasti, con opere spesso non distribuite nelle sale italiane, daMittsommernachtstango (Tango di una notte di mezza estate)di Viviane Blumenschein, rocambolesco road movie sul tango finlandese, fino a una selezione di titoli deimaestriindiscussi Aki e Mika Kaurismäki.
Tra gli eventi speciali il “Concerto per Milano” della Filarmonica della Scala, in piazza Duomo, con il direttore finlandese Esa-Pekka Salonen, evento che apre ufficialmente il festival; una cena a tema da Cascina Cuccagna, con menu a cura dello chef Kimmo Kettunen; un incontro dedicato al noto brand finlandese di design iittala, dal 1881 punto di riferimento per la scena creativa nordica; e infine una mostra dedicata al grande fotografo Pentii Sammalahti, alla Galleria Belvedere: i suoi scatti argentati, velati di atmosfere magiche e attraversati da una vena romantica, raccontano con una luce malinconica la bellezza dei paesaggi del Nord. Tra distese di neve, scorci senza fine e minime presenze silenziose, perdute nello spazio di una natura sublime.

www.caffehelsinki.it
www.iperborea.com

 

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.