Lo Strillone: materiali scadenti per il Memoriale della Shoah di Berlino su Libero. E poi Rosso e Pontormo a Firenze, fumetti all’asta…

Il Memoriale della Shoah di Berlino cade a pezzi: l’80% dei blocchi collocati da Peter Eisenman ha bisogno di restauro e Libero riprende la polemica che impazza sulla stampa tedesca. Il pessimo stato di conservazione è dovuto all’uso di materiali scadenti. Trentasettemila fogli, un repertorio che spazia dagli appunti su Seneca fino alle bozze di […]

Quotidiani
Quotidiani

Il Memoriale della Shoah di Berlino cade a pezzi: l’80% dei blocchi collocati da Peter Eisenman ha bisogno di restauro e Libero riprende la polemica che impazza sulla stampa tedesca. Il pessimo stato di conservazione è dovuto all’uso di materiali scadenti.

Trentasettemila fogli, un repertorio che spazia dagli appunti su Seneca fino alle bozze di lavori mai pubblicati: riemerge a trent’anni dalla morte del filosofo l’archivio di Michel Foucalt, che merita l’apertura di pagina su La Repubblica. Successo in asta per il fumetto: una breve su Corriere della Sera e Il Giornale per il Tintin da record piazzato a due milioni e mezzo di euro.

La pagina delle recensioni di inizio settimana si divide, su La Stampa, tra il duetto Rosso – Pontormo a Firenze e Cildo Meireles all’Hangar Bicocca. A proposito di appuntamenti fissi: la consueta finestra che il Sole 24Ore dedica agli expertise tratta oggi le opere di Franca Pisani.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.