Lavori in corso, palazzi storici e beni comuni. A Torino gli studenti dell’Accademia trasformano in opera d’arte la palizzata del cantiere Lagrange 12

Giovanissimi, talentuosi, protagonisti di una bella operazione creativa a misura di città. Sono gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Torino, coinvolti in un intervento site specific che punta a migliorare l’aspetto di uno scorcio urbano, là dove l’occhio inciampa tra i soliti ingorghi temporanei di gru, palizzate e trabattelli. Lo chiamano “Lagrange 12” ed […]

Lagrange 12, Torino - work in progress

Giovanissimi, talentuosi, protagonisti di una bella operazione creativa a misura di città. Sono gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Torino, coinvolti in un intervento site specific che punta a migliorare l’aspetto di uno scorcio urbano, là dove l’occhio inciampa tra i soliti ingorghi temporanei di gru, palizzate e trabattelli. Lo chiamano “Lagrange 12” ed è il progetto di restauro finanziato dal Gruppo Building, per rilanciare lo storico edificio all’angolo tra via Lagrange e via Giolitti. Una grande impalcatura: brutta, come brutti sono tutti i cantieri. E allora ecco l’idea, che tutela lo sguardo e lo distrae dal provvisorio occultamento, tramutando un disagio in un punto di forza. Sono quattordici i giovani artisti dell’Accademia, coordinati dai loro docenti (Marco Cingolani e Laura Avondoglio, e poi Giuseppe Leonardi e Laura Valle, per le classi di Pittura, oltre a Daniele Gay per il corso di Illustrazione),  incaricati di realizzare dodici dipinti su grandi pannelli allestiti lungo il perimetro del cantiere. Uno il tema di fondo, che connota l’intera operazione: “creatività, bene comune”, in sintonia con la XXVII edizione dal Salone Internazionale del Libro 2014, partner dell’iniziativa. Tutto è avvenuto live, direttamente sul posto, dallo scorso 28 aprile fino all’8 maggio: venerdì 9 maggio il risultato di questo grande laboratorio urbano viene svelato alla città. “Vorremmo che il palazzo parlasse di bellezza fin dall’inizio”, ha spiegato Piero Boffa, promotore dell’iniziativa e Ad del gruppo Building, “partendo già dalla fase cantieristica, progettata in modo da impattare il meno possibile sui vicini e sui passanti, e da essere occasione di attenzione al pregio dell’area e di espressione artistica a favore del territorio”.

Lagrange 12, Torino - work in progress
Lagrange 12, Torino – work in progress

Per tutta la durata dei lavori le opere resteranno esposte, per poi essere vendute all’asta dopo lo smantellamento della palizzata, devolvendo il ricavato in beneficenza. L’edificio di epoca neoclassica, recentemente utilizzato come sede degli uffici comunali della Polizia Municipale, tornerà al suo splendore originario grazie a un intervento lungo diciotto mesi: una pregevole perla architettonica, incastonata nel nuovo salotto torinese, con sei piani fuori terra e due interrati; il tutto da convertire in residenze di design e negozi, pronti ad accogliere le migliori griffe internazionali. Nell’attesa di scoprire dal vivo la nuova veste pittorica di Lagrange 12, vi anticipiamo qualcosa con un po’ di immagini.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.