La Gallery Weekend di Berlino ha compiuto dieci anni. Una due giorni di mostre tra le gallerie cittadine, con un fiume di visitatori

Dieci anni di successi per la Gallery Weekend berlinese. Dal 2 al 4 maggio scorsi, cinquanta tra le principali gallerie della capitale tedesca hanno inaugurato contemporaneamente le loro mostre, per la gioia dei tanti art lover accorsi. Tra gocce di pioggia di un colpo di coda invernale e casse di birra senza etichetta, la Berlino […]

Gellery Weekend 2014, Berlino - Blain

Dieci anni di successi per la Gallery Weekend berlinese. Dal 2 al 4 maggio scorsi, cinquanta tra le principali gallerie della capitale tedesca hanno inaugurato contemporaneamente le loro mostre, per la gioia dei tanti art lover accorsi. Tra gocce di pioggia di un colpo di coda invernale e casse di birra senza etichetta, la Berlino dell’arte contemporanea conferma la sua natura sperimentale in una sorta di fiera diffusa. L’evento, inizialmente di piccole dimensioni e tutto privato, nacque su iniziativa di alcune gallerie, per diventare col tempo uno degli appuntamenti più importanti per il settore in Germania, calamitando appassionati e collezionisti di tutto il mondo, soprattutto russi e americani.
Nella zona di Potsdamer Straße la concentrazione è massima: di gallerie, pubblico e collezionisti. Le cose più convincenti si sono viste da Galerie Isabella Bortolozzi nella sede di Schöneberger Ufer, con la personale dell’artista, filmaker e performer americano Wu Tsang, A day in the life of bliss. Nell’edificio accanto Esther Schipper proponeva un’altra personale, Revenons à nos moutons, con istallazioni e performance della star inglese Liam Gillik. La galleria internazionale Blain | Southern di Potsdamer Straße (che ha altre sedi a Londra e a New York) ha inaugurato per l’occasione una delle mostre più affascinanti della due giorni: un evento dedicato allo scultore Lynn Chadwick, con la serie di bestie in acciaio risalenti al 1989-1991. La galleria, già da sola uno spettacolo, è un gigantesco spazio post-industriale, altissimo e profondo, un tempo sede della tipografia del giornale Der Tagesspiegel.
Prossimo mega evento berlinese da mettere in agenda? La Berlin Biennale, naturalmente. Tutto pronto, in attesa dell’opening nelle varie sedi istituzionali, per due mesi di show: dal 29 maggio all’8 agosto 2014.

–   Gian Marco Tosti

www.gallery-weekend-berlin.de

CONDIVIDI
Gian Marco Tosti
Gian Marco Tosti è un giornalista e un consulente di comunicazione. Ha studiato Scienze Politiche all'Università degli studi di Perugia e frequentato un Master in Comunicazione d'impresa al Centro Studi Comunicazione Cogno Associati di Roma. Negli ultimi anni ha editato magazine e guide sulla propria regione: l'Umbria. È stato curatore di mostre d'arte contemporanea incentrate sul disegno e sull'uso della carta. Ha una grande passione per qualsiasi tipo di mappa, per la carta stampata e per l'Italia.