Happening per un libro di happening. Serata a base di video e performance di lunGrabbe al Museo Nitsch, per la pubblicazione di “Alcune Architetture di Napoli”

In programma c’è una selezione video di alcune performance del collettivo lunGrabbe (Domenico Mennillo, Rosaria Castiglione), esperimento multidisciplinare che coinvolge teatro sperimentale, arte contemporanea e parola poetica, per una riflessione complessa sull’uomo nella propria evoluzione storica. A questi si affiancano i commenti critici di Tommaso Ariemma, Tommaso Ottonieri e Ferdinando Tricarico, per offrire un’ulteriore chiave […]

In programma c’è una selezione video di alcune performance del collettivo lunGrabbe (Domenico Mennillo, Rosaria Castiglione), esperimento multidisciplinare che coinvolge teatro sperimentale, arte contemporanea e parola poetica, per una riflessione complessa sull’uomo nella propria evoluzione storica. A questi si affiancano i commenti critici di Tommaso Ariemma, Tommaso Ottonieri e Ferdinando Tricarico, per offrire un’ulteriore chiave d’accesso al complesso sistema realizzato da lunGrabbe, pensato come pratica nomadica tra la memoria culturale europea, attraverso sollecitazioni concettuali e creatività artistica connessiva.
In occasione della pubblicazione del libro Alcune Architetture di Napoli. Il teatro di lunGrabbe nelle architetture napoletane 2003-2013 (Edizioni Morra/E-M Arts 2014), di Domenico Mennillo, a cura di Raffaella Morra e Loredana Troise, il Museo Hermann Nitsch di Napoli organizza – per venerdì 16 maggio 2014 (ore 19,00, alla sala capriata e alla loggia dei poeti)
un evento che culminerà in un happening dinamico e multidisciplinare. Occasione anche per l’eccezionale ricostituzione temporanea del gruppo musicale Terrapin (Nino Bruno, Marco Di Palo e Massimiliano Sacchi, collaboratori in più occasioni di lunGrabbe), costituitosi a Napoli negli Anni Ottanta, sulla suggestione di un clima dark-sacrale-ieratico, che eseguirà alcuni brani dal vivo ispirati a Nico e al primo Syd Barrett. Il volume in questione è composto da dieci partiture degli happening di lunGrabbe, raccolte in forma sciolta, ma numerate cronologicamente, e descrive con minuzia di particolari il tragitto esplorato nel decennio 2003-2013.

– Paolo Tarsi

www.museonitsch.org

CONDIVIDI
Paolo Tarsi
Musicologo e compositore, dal 2010 fa parte del collettivo Argo con cui prende parte alla pubblicazione di una serie di romanzi collettivi. Suoi studi sono apparsi su riviste specialistiche e rivolgono particolare attenzione alla musica del secondo Novecento, ai rapporti tra musica e altre forme d’arte e all’influenza esercitata dalle avanguardie colte sui linguaggi pop. Collabora inoltre con “Il Giornale della Musica” e “Il Corriere Musicale”, ha tenuto conferenze e curato programmi radiofonici di musica jazz e contemporanea in Italia e all’estero. Scrive musiche per mostre di P. Cotani, M. Giacomelli, A. Warhol, collaborando con Tullio Pericoli e musei quali il MAXXI, dove ha partecipato a una perfomance di “Pendulum Music” di Steve Reich. Ha curato la musica originale e la sonorizzazione live durante la proiezione dei lavori del progetto Giovane Fotografia Italiana #02 presentato da GAI e Fotografia Europea in collaborazione con Acusmatiq 8.0 e Mediterranea 16 “Errors Allowed”, la Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo e, successivamente, la performance musicale durante la presentazione parigina delle riviste “Argo” e “Alfabeta2”, Per un uso performativo delle riviste. Alfabeta2+Argo: Presentazione, smontaggio e performance, dove sono state eseguite sue composizioni accanto a brani di Erik Satie, John Cage e Fausto Romitelli. Nel 2012 ha conseguito il Certificate of Advanced Studies (CAS) in Musica elettronica e Sound Design presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, attualmente si sta specializzando nella composizione per il cinema con il premio Oscar Luis Bacalov.