Galassie sul Castello. Arriva a Napoli la mostra itinerante di Alberto di Fabio, già passata per Roma, Londra, Parigi e Venezia: ecco le immagini dell’opening a Castel Sant’Elmo

Un vero e proprio tour, iniziato a Roma alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, poi passato dall’Estorick Collection of Modern Italian Art di Londra, dalla Mairie du 4me di Parigi, dall’ultima Biennale di Venezia, nell’ambito di Nell’acqua capisco, evento collaterale dell’Hart Foundation e CIAC. Parliamo della mostra monografica di Alberto di Fabio, che giungendo a Napoli, […]

Un vero e proprio tour, iniziato a Roma alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, poi passato dall’Estorick Collection of Modern Italian Art di Londra, dalla Mairie du 4me di Parigi, dall’ultima Biennale di Venezia, nell’ambito di Nell’acqua capisco, evento collaterale dell’Hart Foundation e CIAC. Parliamo della mostra monografica di Alberto di Fabio, che giungendo a Napoli, nella suggestiva cornice di Castel Sant’Elmo, assume il titolo di Galassie sul Castello.
Organizzata dalla Soprintendenza Speciale di Napoli e Caserta e curata da Angela Tecce e Pier Paolo Pancotto, la mostra rappresenta un tributo al profondo legame tra l’artista e il capoluogo partenopeo, avviato dalla partecipazione all’esposizione del 1993 dedicata a Ermete Trismegisto nella storica Galleria di  Lucio Amelio; presentate circa trenta opere, che ripercorrono la produzione pittorica degli ultimi venti anni, insieme a una serie di installazioni di pitture aeree site-specific “che, entrando in relazione con il sublime delle vedute offerte dal castello, indurranno una visione sinestetica tra interno ed esterno, tra arte, tecnica ed elementi naturali”. Mostra visibile fino al 2 giugno: nella fotogallery una prima anticipazione dall’opening del 16 maggio…

www.polomusealenapoli.beniculturali.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.