Enrico Crispolti ai Martedì Critici. Ancora un grande nome della critica d’arte, per un nuovo talk negli spazi del Macro di Roma

Continua lo shake dei Martedì Critici tra artisti, galleristi e storici dell’arte: un bouquet non più monocolore, che, per questa originale edizione, dà spazio alle tre figure principali dell’art system (nell’attesa, magari, di un’apertura anche ai collezionisti). Protagonista dell’ottavo talk della stagione è Enrico Crispolti, storico e critico militante, figura fondamentale della scena italiana, allievo […]

Enrico Crispolti

Continua lo shake dei Martedì Critici tra artisti, galleristi e storici dell’arte: un bouquet non più monocolore, che, per questa originale edizione, dà spazio alle tre figure principali dell’art system (nell’attesa, magari, di un’apertura anche ai collezionisti).
Protagonista dell’ottavo talk della stagione è Enrico Crispolti, storico e critico militante, figura fondamentale della scena italiana, allievo di Lionello Venturi, influenzato nel corso della sua formazione anche da maestri come Giulio Carlo Argan, Giuseppe Marchiori e Francesco Arcangeli. Lunga e prestigiosa la carriera accademica di Crispolti, dal 1966 al 1973 docente di storia dell’arte presso Accademia di Belle Arti di Roma, dal 1973 al 1984 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Salerno, quindi approdato all’Università di Siena come Professore Ordinario di Storia dell’Arte Contemporanea nella Facoltà di Lettere e Filosofia; qui, dal 2001 al 2007, ricoprirà poi il ruolo di Direttore della Scuola di Specializzazione in Storia dell’Arte.
Studioso, ricercatore, figura di riferimento per intere generazioni di studenti, Crispolti ha curato una lunga serie di mostre in Italia e all’estero, portando avanti in particolare un lavoro minuzioso intorno al Futurismo: tanti i progetti espositivi dedicati alla più grande avanguardia italiana, dalla prima retrospettiva su Giacomo Balla alla GAM di Torino, nel 1963, a quella “Ricostruzione futurista dell’universo” ospitata dalla Mole Antonelliana di Torino, nel 1980; da Il Futurismo e la moda  al PAC, di Milano, nel 1988, a Italiens Moderne. Futurismus und Rationalismus, mostra itinerante tra il Museum Friedericianum di Kassel e l’IVAM, Valencia (1990), fino al progetto Futurismo 1909-1944 al Palazzo delle Esposizioni di Roma, nel 2001.
Insieme a Enrico Crispolti ci saranno, come di consueto, Alberto Dambruoso e Guglielmo Gigliotti, per l’intervista di rito difronte al pubblico del Macro.

– Helga Marsala

27  maggio 2014, ore 19-21
Museo MACRO – via Reggio Emilia 54 / Sala Cinema, Roma
Ingresso: libero
www.imartedicritici.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.