Design internazionale e beneficenza. Do ut do è un evento itinerante, a supporto della Fondazione Hospice Seràgnoli: parte dal Maxxi il tour espositivo

Tre sedi in Emilia Romagna, tra Bentivoglio, Bellaria e Casalecchio, e una nobile missione: accogliere pazienti con malattie incurabili e assisterli sul piano fisico, psicologico, spirituale. La Fondazione Hospice Seràgnoli Onlus, specializzata nel campo della medicina palliativa, si muove in un terreno di straordinaria importanza sociale e umanitaria, prendendosi cura di quel tempo del dolore e […]

Alessandro Guerriero, Uomo-animale autoritratto, 1987/2013 - Lampada-scultura in plexiglass

Tre sedi in Emilia Romagna, tra Bentivoglio, Bellaria e Casalecchio, e una nobile missione: accogliere pazienti con malattie incurabili e assisterli sul piano fisico, psicologico, spirituale. La Fondazione Hospice Seràgnoli Onlus, specializzata nel campo della medicina palliativa, si muove in un terreno di straordinaria importanza sociale e umanitaria, prendendosi cura di quel tempo del dolore e dell’attesa disteso tra la vita e la morte. Un’attività che necessita di fondi, naturalmente. Recuperati in parte, ogni due anni, grazie a una grande campagna di fundraising culturale. L’evento si chiama do ut do e nel 2012 aveva scelto come raggio d’azione l’universo dell’arte contemporanea. Quest’anno, è la volta del design: nomi prestigiosi, tra artisti, designer, architetti e aziende produttrici, hanno donato delle opere da assegnare – tramite estrazione a sorte – a chi avrà sostenuto le attività della Fondazione.
Tre i partner istituzionali, che accoglieranno le opere a rotazione per tre appuntamenti flash, a ingresso libero: il Maxxi di Roma (16-18 maggio), il MADRE di Napoli  (22-25 maggio), il MAMbo di Bologna (22 settembre-19 ottobre). Per il sorteggio, riservato ai supporter, bisognerà aspettare ottobre, al termine de tour espositivo, quando il bolognese MAST, nuovo spazio multifunzionale voluto da Isabella Seràgnoli, ospiterà la cerimonia esclusiva. Intanto, ecco una panoramica degli oggetti donati, per una lista di nomi eccellenti che vanno da Mario Botta a Sandro Chia, da Odile Decq a Flavio Favelli, da Daniel Libeskind ad Antonio Marras.

www.hospiceseragnoli.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.