Art Stories, una app a misura di bambino, che racconta le bellezze d’Italia come in una favola. Cominciando dal Castello Sforzesco di Milano

Raccontare l’arte ai bambini, attraverso la tecnologia. Nessuno più di loro ha interesse e immediata dimestichezza con il mondo della comunicazione virtuale: sono le generazioni dei nativi digitali, cresciute a computer e cellulari. E proprio per loro, e per i giovani genitori, è nata Art Stories, la app dedicata ai piccoli fra i 3 e […]

Raccontare l’arte ai bambini, attraverso la tecnologia. Nessuno più di loro ha interesse e immediata dimestichezza con il mondo della comunicazione virtuale: sono le generazioni dei nativi digitali, cresciute a computer e cellulari. E proprio per loro, e per i giovani genitori, è nata Art Stories, la app dedicata ai piccoli fra i 3 e 10 anni, che insieme alle mamme e i papà scelgono la bellezza e la cultura. La storia e i segreti del Castello Sforzesco, le vicende degli Sforza e la biografia straordinaria di Leonardo da Vinci, prendono vita su tablet e smartphone, grazie a un mix di tecnologia e narrazione: illustrazioni originali, animazioni, giochi, voci narranti, avventure, per un’operazione di storytelling (in italiano e inglese) pensata per catturare grandi e piccini, guidandoli tra gli ambienti del Castello.
E dopo questa prima tappa milanese, altre ne verranno, dedicate ad altri luoghi dell’arte e della storia. Le ideatrici sono Giovanna Hirsch, studiosa di politiche sociali e territoriali, e
Federica Pascotto, esperta di formazione e didattica museale. Un progetto educativo, dunque, che guarda ai flussi del turismo culturale, ma che può essere usato anche come strumento didattico nelle scuole primarie e d’infanzia. Procuraselo è facilissimo: Art Stories – Castello Sforzesco è disponibile già dal 16 maggio su Apple Store, al prezzo di 2,69 euro.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.