All’Expo2015 si entra dalla porta. Inaugurazione a Milano per le due torri di Expo Gate, opera di Scandurrastudio: e cantiere dei cantieri verso il grande evento del prossimo anno

La loro posizione, non casuale, rispetta l’asse storico del Sempione, porta della città dalla Francia, e oltre ad attraversare uno dei simboli milanesi per eccellenza, la torre del Filarete, rimanda all’Esposizione Universale del 1906 che nel Castello trovava il suo epicentro. Parliamo delle due imponenti costruzioni realizzate su progetto di Scandurrastudio, che si ergono nel […]

Expo Gate (courtesy Filippo Romano)

La loro posizione, non casuale, rispetta l’asse storico del Sempione, porta della città dalla Francia, e oltre ad attraversare uno dei simboli milanesi per eccellenza, la torre del Filarete, rimanda all’Esposizione Universale del 1906 che nel Castello trovava il suo epicentro. Parliamo delle due imponenti costruzioni realizzate su progetto di Scandurrastudio, che si ergono nel cuore del centro di Milano, a Piazza Cairoli, di fronte al Castello Sforzesco, con le quali si inaugura domani il primo baluardo dell’Expo 2015: Expo Gate. Due gabbie bianche trapezoidali della struttura metallica che rivela, nei sui interstizi, la pelle in vetro serigrafato bianco. Saranno loro la porta ideale dell’Esposizione universale, e se nelle proporzioni si legano al contesto – la loro altezza è pari a quella dei palazzi che le affiancano – nei materiali se ne distaccano completamente. Apparentemente identici, all’interno si differenziano per le funzioni che ospitano: l’edificio Est sarà info point e sede degli uffici amministrativi, mentre nell’Ovest si terranno esposizioni temporanee ed eventi.
Il progetto dello studio milanese – già noto per il Museo Palladio di Vicenza e per allestimenti di importanti mostre come quella su Carlo Scarpa alla Biennale di Venezia – è nato da una convenzione tra La Triennale di Milano ed Expo 2015 S.p.a.. Non si tratterà solo di un info e ticket point, ma di un vero e proprio propulsore del palinsesto eventi legati all’Expo2015. Insieme all’edificio inaugura anche il “Cantiere Expo Gate”, metaforico cantiere per la progettazione e costruzione pubblica del palinsesto di attività, che sarà curato da Caroline Corbetta.

– Flavia Chiavaroli

CONDIVIDI
Flavia ChiavarolI
Architetto, exhibition designer e critico freelance. Osservatrice attenta e grande appassionata di architettura ed arte moderna e contemporanea riporta la sua esperienza nell’organizzazione di workshop, collabora con artisti e fotografi e aggiornando i principali social network. Dal 2012 si occupa di progettazione di mostre ed eventi.