Via Novara 75, chi vuol gestire la nuova factory creativa a Milano? C’è ancora un mese per partecipare al bando

Se il governo, come scrivevamo anche noi di Artribune nei giorni scorsi, non ha mai comunicato le procedure di attuazione di quel brano del Decreto Valore Cultura che prevede l’assegnazione ad artisti e creativi vari di immobili pubblici inutilizzati, il Comune di Milano fa un passo avanti in questa direzione. È di questi giorni infatti […]

Lo stato attuale dell'area di Via Novara 75, a Milano

Se il governo, come scrivevamo anche noi di Artribune nei giorni scorsi, non ha mai comunicato le procedure di attuazione di quel brano del Decreto Valore Cultura che prevede l’assegnazione ad artisti e creativi vari di immobili pubblici inutilizzati, il Comune di Milano fa un passo avanti in questa direzione. È di questi giorni infatti la notizia di un grande complesso composto da un capannone di 1.240 metri quadri e un blocco uffici di 370 metri quadri, inseriti in un’area molto vasta di 3mila metri quadri complessivi, che sarà destinato “in un luogo dedicato alle arti creative, musica, teatro, cinema, danza, moda, design, pittura”.
Il progetto si chiama Via Novara 75, nome mutuato dallo stesso indirizzo, non lontano dallo Stadio di San Siro: spazio che l’amministrazione è intenzionata ad assegnare “a titolo gratuito per una durata minima di 10 anni (fino ad un massimo di 30), e il soggetto cui sarà assegnato l’immobile dovrà sostenere i costi di ristrutturazione e manutenzione”. Tra le funzioni che dovranno essere previste nel progetto di riutilizzo, ci sono spazi per eventi, workshop e seminari; servizi per l’ospitalità temporanea degli artisti nazionali e internazionali; aree di lavoro, specializzate anche nelle tecnologie multimediali; punti conviviali e di ristoro. I progetti potranno essere presentati fino al 26 maggio: certo, almeno a giudicare dalle immagini, la ristrutturazione della struttura non appare cosa rapida; ma se le procedure non subissero intoppi, Milano potrebbe avere un nuovo centro importante anche in prospettiva Expo2015

Per scaricare il bando