Veneto contemporaneo. Dopo Verona con Palazzo della Ragione, tocca a Vicenza rilanciare gli spazi di Palazzo Chiericati: prima mostra per Nicola Samorì

“Una città che intende guardare oltre se stessa e confrontarsi con realtà espositive prestigiose, di respiro europeo, in un percorso che sappia muoversi in modo equilibrato tra modernità e innovazione, dando spazio e voce a forme d’arte di vario genere, facendo della partnership pubblico – privato un punto di forza del proprio operare”. Con queste […]

Allestimenti della mostra di Nicola Samorì (foto Musei Civici Vicenza)

Una città che intende guardare oltre se stessa e confrontarsi con realtà espositive prestigiose, di respiro europeo, in un percorso che sappia muoversi in modo equilibrato tra modernità e innovazione, dando spazio e voce a forme d’arte di vario genere, facendo della partnership pubblico – privato un punto di forza del proprio operare”. Con queste parole il vicesindaco di Vicenza Jacopo Bulgarini d’Elci presenta la nuova stagione espositiva di Palazzo Chiericati, che dopo una preapertura a ottobre 2012 degli affascinanti spazi al piano terra e nel seminterrato, con la mostra Cinque secoli di volti. Una società e la sua immagine nei capolavori di Palazzo Chiericati, si presenta ora nella sua vocazione di centro d’arte con ambiziosi programmi orientati ai linguaggi contemporanei.
Sarà Achille Bonito Oliva a presentare la prima mostra, dedicata alla pittura di Nicola Samorì: un progetto sostenuto dalla Fondazione Vignato per l’Arte in collaborazione con AmC – Collezione Coppola e la Galleria Mazzoli di Modena. Per la più ampia mostra tenuta dall’artista in Italia, quarantacinque lavori realizzati dal 2008 al 2014 allestiti nelle otto stanze riservate all’esposizione vicentina. Un nuovo segnale della grande vitalità veneta nell’offerta di prestigiosi spazi espositivi, a meno di una settimana dalla riapertura della collezione Forti nella nuova location di Palazzo della Ragione, nella vicina Verona.

Inaugurazione: giovedì 17 aprile 2014 – ore 18
Dal 17 aprile 2014 al 22 giugno 2014
Pinacoteca Civica, Palazzo Chiericati – Vicenza
www.comune.vicenza.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.