Sette artisti siciliani, all’ombra dei templi di Agrigento. Una collettiva nel giardino di Villa Aurea, nel cuore del celebre parco archeologico

Villa Aurea è una dimora storica incastonata nel cuore della Valle dei Templi, celebre oasi archeologica dell’agrigentino. Qui aveva scelto di vivere sir Alexander Hardcastle, capitano della Royal Navy britannica, mecenate inglese, personaggio di spicco della vita culturale locale, agli inizi dell’Ottocento. In questa cornice unica, luogo in cui mito, storia, paesaggio e architettura precipitano […]

Villa Aurea, Valle dei Templi, Agrigento

Villa Aurea è una dimora storica incastonata nel cuore della Valle dei Templi, celebre oasi archeologica dell’agrigentino. Qui aveva scelto di vivere sir Alexander Hardcastle, capitano della Royal Navy britannica, mecenate inglese, personaggio di spicco della vita culturale locale, agli inizi dell’Ottocento.
In questa cornice unica, luogo in cui mito, storia, paesaggio e architettura precipitano in una luce mediterranea, tre anni fa prese il via Divinazioni, progetto di residenze d’artista curato da Giusi Diana e pensato per stabilire una relazione forte col contesto: le voci del luogo, le memorie, le scenografie visionarie e quel tempo dilatato, oltre la cronologia del quotidiano. Dopo le edizioni con Sergio Zavattieri e Domenico Sciajno nel 2012 e con il Laboratorio Saccardi nel 2013, nell’attesa del terzo appuntamento la Villa ospita una collettiva con sette artisti, anch’essi originari dell’Isola: Vanessa Alessi, Fare Ala, Giuseppe Lana, Filippo Leonardi, Sebastiano Mortellaro, Carmelo Nicotra, Marco Maria Giuseppe Scifo. Un altro tassello che conferma la nuova vocazione dello spazio per il contemporaneo.

Valle dei Templi Agrigento
Valle dei Templi Agrigento

Il lussureggiante giardino all’italiana di Villa Aurea – costruito sopra una fitta rete di ipogei, parte della necropoli paleocristiana e bizantina – viene eccezionalmente aperto ai visitatori del Parco Archelogico: un’occasione per rivelare un dialogo inatteso con le opere degli artisti, quasi tutte realizzate ad hoc, spezzando la distanza tra passato e presente e spalancando uno spazio di meditazione, di isolamento e di rigenerazione spirituale. Lungo la Via Sacra che conduce dal Tempio di Ercole a quello della Concordia, in un sito che l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità, questa parentesi temporanea dischiude un frammento di bellezza “Sotto il cielo”, o “Sub Divo”, come dal titolo del progetto: così veniva definita quella parte della necropoli che si estende in superficie. Un’area di emersione, offerta alla luce e proiettata sul paesaggio; a cui gli artisti siciliani stanno dedicando frammenti di scritture, come appunti di un grand tour contemporaneo.

Helga Marsala

Sub Divo | Sotto il cielo
a cura di Giusi Diana
Giardino di Villa Aurea
Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, Agrigento
opening: 18 aprile 2014, ore 11
fino al 19 Settembre 2014

orari: lun-dom, 15-18
info: tel. 0922 621611
www.parcovalledeitempli.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.