A Sondrio il 25 aprile si festeggia al Grand Hotel della Posta. Un party per un albergo-museo, pieno di opere d’arte

Nasceva nel 1862, a Sondrio, nella centralissima Piazza Garibaldi, all’interno di un palazzo storico: il Grand Hotel della Posta è ancora un luogo simbolo della cittadina valtellinese, con le sue trentotto luxury room e quell’ultimo piano mansardato, sormontato da travi a vista. Un luogo denso di storia, impreziosito dai soffitti affrescati, dalla cucina ricercata, dalla […]

Hotel della Posta, Sondrio

Nasceva nel 1862, a Sondrio, nella centralissima Piazza Garibaldi, all’interno di un palazzo storico: il Grand Hotel della Posta è ancora un luogo simbolo della cittadina valtellinese, con le sue trentotto luxury room e quell’ultimo piano mansardato, sormontato da travi a vista. Un luogo denso di storia, impreziosito dai soffitti affrescati, dalla cucina ricercata, dalla splendida Spa in cui si disegnano i piani in pietra e legno, dalle vecchie cantine con le volte a botte, dagli ambienti sontuosi arredati con stile e rinnovati, alcuni anni fa, grazie a un delicato progetto di restyling, rispettoso dell’allure tradizionale.
Ma soprattutto un luogo che fa dell’ospitalità occasione di bellezza e di cultura. L’Hotel nasce infatti con una vocazione forte per l’arte, tuttora vivissima: l’ampia collezione, cresciuta negli anni anche col supporto del Credito Valtellinese, include tele, bronzi, mobili, marmi antichi, e poi dipinti, sculture e installazioni  contemporanee. Dai quadri fiamminghi a quelli della scuola veneta del XVII secolo, dai bronzi di Arturo Martini, all’Ultima cena di Daniel Spoerri, monumentale corpus di 13 tavole in marmo di Carrara, fino all’installazione in legno, magnete ed elementi sintetici, dal titolo Mur magnétique, del greco Takis.

Hotel della Posta, Sondrio
Hotel della Posta, Sondrio

Per festeggiare il passaggio alla nuova gestione della famiglia Giacomelli, titolare del gruppo Lungolivigno, con alle spalle una tradizione alberghiera lunga oltre mezzo secolo, il Grand Hotel della Posta, straordinario luogo di soggiorno e insieme galleria d’arte permanente, apre le porte alla città il 25 aprile, con il party Posta & the City. Lo start è fissato alle 18, tra musica dal vivo, visite guidate alla collezione e la possibilità di sbirciare le camere, gli ambienti comuni e la spa (con tanto di servizio make up offerto alle signore). E infine, dalle 22 in poi, dj set in piazza Garibaldi. Chiusura energica, per un nuovo capitolo di una storia fortunata, cominciata centocinquant’anni fa.

– Helga Marsala

www.grandhoteldellaposta.eu

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.