Storia barocca, futuro nell’arte. Riprendono i Reportage di Artribune Magazine, sul numero 18 testi e foto in arrivo da Cuba

“Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, questo antico barrio ospita una delle più belle piazze del mondo, esempio altissimo di barocco coloniale, quella della Catedral. A pochi passi dalla Bodeguita del Medio, lo storico locale frequentato da Ernest Hemingway e da tanti altri letterati, politici, artisti che sui muri hanno lasciato foto macchiate dall’alcool dei mojito e ricordi […]

Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, questo antico barrio ospita una delle più belle piazze del mondo, esempio altissimo di barocco coloniale, quella della Catedral. A pochi passi dalla Bodeguita del Medio, lo storico locale frequentato da Ernest Hemingway e da tanti altri letterati, politici, artisti che sui muri hanno lasciato foto macchiate dall’alcool dei mojito e ricordi scritti di loro pugno”. Di che parliamo? Dell’Havana Vecchia: è Cuba infatti la destinazione scelta per il prossimo Artribune Magazine dalla nostra globetrotter Mercedes Auteri, per la sua rubrica Reportage. Foto e testi per sintetizzare in quattro momenti lo spirito di una città: fra la storia barocca e quella novecentesca, con uno sguardo al futuro (dell’arte).
Protagonisti? Si parte da Lasa, un collettivo di artisti, architetti e designer, scienziati (sociologi, psicologi, biologi) e tecnici (falegnami, meccanici, fabbri, muratori), studenti e anziani, professionisti e aficionados, fondato dall’artista cubano Candelario con l’aiuto della curatrice francese Aurélie Sampeur. Partendo dal coinvolgimento e dallo studio della comunità, promuove arte, cultura, intercultura e stimola nuove percezioni sociali e comunitarie nel quartiere di San Agustín.  Poi? Il resto lo potete cercare fra le pagine della rivista, al debutto a Milano per Miart

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.