Pomeriggi sonori nelle “stanze d’ascolto” dell’Istituto Svizzero di Roma. Indagini sulla cultura popolare svizzera, tra folk e sperimentazione. Si parte con un tuffo nell’underground

Conoscere più da vicino l’anima popolare della cultura elvetica contemporanea, sfruttando il senso dell’udito e l’esperienza dell’ascolto. Sfida lanciata dall’Istituto Svizzero di Roma, che il prossimo 13 marzo inaugura Listen, rassegna in cui si fondono la dimensione tipica del talk a quella immersiva dell’esperimento multisensoriale. Gli spazi interni dell’Istituto si trasformano così in accoglienti “listening rooms”, […]

Hippie in un Festival sviezzero

Conoscere più da vicino l’anima popolare della cultura elvetica contemporanea, sfruttando il senso dell’udito e l’esperienza dell’ascolto. Sfida lanciata dall’Istituto Svizzero di Roma, che il prossimo 13 marzo inaugura Listen, rassegna in cui si fondono la dimensione tipica del talk a quella immersiva dell’esperimento multisensoriale. Gli spazi interni dell’Istituto si trasformano così in accoglienti “listening rooms”, in cui il pubblico potrà seguire le testimonianze degli esperti invitati, oppure concedersi un momento di ascolto privato, scoprendo suoni recuperati da collezioni di dischi, nastri d’epoca, materiali d’archivio.
Si parte con la scena underground degli anni ‘60 e ’70, esplorando il soundscape lisergico del folk psichedelico, dell’acid rock, dell’elettronica kosmische, in una Svizzera che accoglieva la cultura hippie, tra le comuni abbarbicate sulle Alpi e i locali off delle grandi città. Interviene Samuel Mumenthaler, musicista, storico e curatore di diverse mostre sulla nascita del rock elvetico, affiancato da Matteo Guarnacca, artista visivo e scrittore, per un confronto con la coeva scena italiana alternativa.
Tutti gli incontri, oltre a mettere a disposizione materiali sonori e visivi (foto, filmati, progetti editoriali d’epoca) fornirà anche una fanzine in edizione limitata,  zeppa di materiali selezionati dai curatori: per Listen #1 chi si accaparrerà la preziosa pubblicazione ci troverà dentro vecchie foto riesumate da comuni freak, locandine, manifesti rock, copertine di riviste. Gustoso bottino per appassionati di atmosfere vintage e cultori della sperimentazione più ardita, agli albori dell’underground.

Listen #1 – Utopie Hippie tra le Alpi
13 marzo 2014, ore 19
Ingresso libero
Istituto Svizzero di Roma
Via Ludovisi 48, Roma
www.istitutosvizzero.it

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • angelov

    Matteo, in bocca al lupo…