“Per l’Expo 2015? Milano avrà un Fuorisalone speciale dedicato solo alla moda”. Intervista video a Mario Boselli, presidente della Camera Nazionale della Moda

“Avremo due grandi edizioni di Milano Moda Uomo a giugno e Milano Moda Donna a settembre. E in più creeremo una sorta di Fuorisalone – sulla scorta dell’evento del Salone del Mobile – ma focalizzato sul fashion, diciamo un Fuoriexpo. Milano vivrà di luce propria”. Se per certi aspetti Milano pare ancora arrancare nella corsa […]

Mario Boselli, presidente della Camera Nazionale della Moda

Avremo due grandi edizioni di Milano Moda Uomo a giugno e Milano Moda Donna a settembre. E in più creeremo una sorta di Fuorisalone – sulla scorta dell’evento del Salone del Mobile – ma focalizzato sul fashion, diciamo un Fuoriexpo. Milano vivrà di luce propria”. Se per certi aspetti Milano pare ancora arrancare nella corsa verso il grande appuntamento dell’Expo 2015, il mondo della moda viaggia sicuro con idee chiare e obbiettivi ben precisi. Guidato con polso da Mario Boselli, il presidente della Camera Nazionale della Moda, ovvero il grande guru del fashion a Milano, e quindi in Italia, e quindi – per una buona fetta – nel mondo. Lo abbiamo incontrato a Ginevra, dove rappresentava la moda italiana alla giornata che le Nazioni Unite dedicavano ai rapporti fra salvaguardia delle foreste e moda, protagonisti Michelangelo Pistoletto e la sua Cittadellarte. E nella videointervista ci ha detto la sua sui rapporti fra moda e arte, sull’impegno delle griffe nella promozione e nella conservazione del patrimonio, e poi ci ha anticipato queste grandi novità in vista dell’Expo: non ve la perdete…

– Massimo Mattioli

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.