Pablo Echaurren, iconoclasta futurista a Londra. Italia ancora protagonista alla Estorick Collection: ecco le foto dell’inaugurazione

Non poteva esserci luogo più adatto dell’Estorick Collection, per ospitare Iconoclast, mostra di collage – tra influenze pop e futuriste – di Pablo Echaurren (Roma, 1951), realizzata in collaborazione con la Galleria d’Arte Maggiore di Bologna. Nata dalla grande passione per l’arte italiana dei fondatori Eric e Salome, la collezione comprende infatti opere futuriste di […]

Non poteva esserci luogo più adatto dell’Estorick Collection, per ospitare Iconoclast, mostra di collage – tra influenze pop e futuriste – di Pablo Echaurren (Roma, 1951), realizzata in collaborazione con la Galleria d’Arte Maggiore di Bologna. Nata dalla grande passione per l’arte italiana dei fondatori Eric e Salome, la collezione comprende infatti opere futuriste di fondamentale importanza come Idolo Moderno di Boccioni, insieme ad altre di Carrà, Russolo, Severini e Balla.
Sembra quindi rispondere a un coerente progetto espositivo volto a conciliare la collezione permanente con mostre temporanee la scelta di ospitare, accanto ad opere storiche futuriste, altre che, a più di un secolo di distanza, ne subiscono il fascino, rielaborandone le influenze in chiave contemporanea. Pablo Echaurren, figlio del pittore Sebastian Matta, ha sempre fatto della poliedricità e della propria libertà creativa una scelta: è fumettista, artista, scrittore. Nei suoi collage riversa tutto il suo vasto immaginario creativo, combinando le influenze futuriste con immagini contemporanee, fumetti, tavole anatomiche, personaggi Disney e immaginario pop.
Negli anni, con Claudia Salaris, Echaurren ha costituito la più completa collezione di giornali, libri e manifesti del Futurismo, che è stata anche fonte materiale per i recenti collage dove le parole in libertà coinvolgono registri alti e bassi, in una commistione giocosa e divertita. La mostra si inaugurava ieri negli spazi della Estorick Collection, dove resterà visibile fino al 18 maggio: qui intanto le foto dell’inaugurazione…

– Roberta Minnucci

www.estorickcollection.com


CONDIVIDI
Roberta Minnucci
Si laurea in Lettere all’Università di Bologna con una tesi in Fenomenologia dell’arte contemporanea. Durante gli studi trascorre un anno all’estero all’Université Le Mirail di Toulouse (Francia) e a Bologna svolge un tirocinio nella Fondazione Federico Zeri ed un altro nella Galleria d’Arte Maggiore. Nel 2011 collabora con la Fondazione-Museo Pino Pascali in occasione della mostra dedicata a Bertozzi & Casoni, vincitori del premio. Successivamente trascorre un periodo nella Southampton City Art Gallery (Southampton, UK), dove cura la mostra dal titolo “Red: A Coloured Sensation”. Si trasferisce poi a Londra, dove si trova tutt’ora. Scrive per Segno ed Artribune.