New York Updates: Independent, ma non troppo. Tante foto dalla fiera di Chelsea che convince per scelte e allestimenti, ma sembra aver smarrito lo spirito sperimentale…

Il nostro fair tour newyorkese arriva a Independent, giovane, fresca, aperta, anche se un po’ meno indipendente, visto che da quest’anno si paga l’ingresso. Con più di cinquanta gallerie (tra cui tre italiane, le milanesi Gió Marconi e kaufmann repetto e Franco Noero da Torino) da 14 paesi, rimane comunque una delle fiere più pulite […]

Il nostro fair tour newyorkese arriva a Independent, giovane, fresca, aperta, anche se un po’ meno indipendente, visto che da quest’anno si paga l’ingresso. Con più di cinquanta gallerie (tra cui tre italiane, le milanesi Gió Marconi e kaufmann repetto e Franco Noero da Torino) da 14 paesi, rimane comunque una delle fiere più pulite e piacevoli da visitare dell’art week. Ampi spazi, stand asimmetrici e luminosi, e il bar sui tetti di Chelsea, nell’edificio precedentemente occupato dalla Dia Art Foundation: per una mostra che raccoglie un sapiente mix tra artisti affermati e giovani newcomers. Quello che quest’anno manca un po’, è lo spirito della sperimentazione e libertà che segnava le edizioni precedenti: un segno che il mercato ancora non si è ripreso del tutto? Qui una selezione di immagini…

Sarah Corona