Lo Strillone: troppo pochi i musei italiani su Twitter, La Stampa raccoglie la delusione di Dario Franceschini. E poi un nuovo museo al Liceo Tasso di Roma, Arbasino in viaggio a Chantilly, il barocco in mostra agli Uffizi…

I musei social? “Ancora troppo pochi!”: tweet desolato per il ministro dei beni culturali Dario Franceschini, ripreso da La Stampa mentre lancia la settimana dei musei su Twitter. Le collezioni sono invitate a promuoversi e dialogare usando l’hashtag #MuseumWeek, ma non sono molti gli enti che hanno attivo e funzionante un proprio profilo. Chissà se […]

Quotidiani
Quotidiani

I musei social? “Ancora troppo pochi!”: tweet desolato per il ministro dei beni culturali Dario Franceschini, ripreso da La Stampa mentre lancia la settimana dei musei su Twitter. Le collezioni sono invitate a promuoversi e dialogare usando l’hashtag #MuseumWeek, ma non sono molti gli enti che hanno attivo e funzionante un proprio profilo. Chissà se cinguetterà il nuovo museo scovato da La Repubblica: nasce al Liceo Tasso di Roma il Museo delle Scienze, primo caso in Italia di istituzione accolta da una scuola.

Firenze tiene banco su Quotidiano Nazionale, con la mostra delle tele barocche della collezione Molinari Pradelli agli Uffizi; e su Il Fatto Quotidiano: la lezione d’arte del lunedì firmata da Tomaso Montanari affronta il Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi. Taccuino di viaggio d’autore per Corriere della Sera, che accoglie le suggestioni di Alberto Arbasino dal castello di Chantilly.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.