Lo Strillone: il Colosseo oggi? la burocrazia l’avrebbe reso impossibile dice Matteo Renzi su Il Giornale a margine visita di Obama. E poi spunta un presunto El Greco in Umbria, alla ex di Strauss-Kahn un quadro di casa Gurlitt, il Poldi Pezzoli in tournée in Giappone…

Travalica la pura cronaca e finisce un po’ nell’aneddotica l’ampio resoconto che Il Giornale dedica alla visita di Barack Obama al Colosseo: passando dai rimbrotti di Matteo Renzi (“Se fosse stato progettato in questi anni, un burocrate lo avrebbe bloccato”) allo scambio di battute tra il presidente USA e il nostro Ministro dei Beni Culturali. […]

Quotidiani
Quotidiani

Travalica la pura cronaca e finisce un po’ nell’aneddotica l’ampio resoconto che Il Giornale dedica alla visita di Barack Obama al Colosseo: passando dai rimbrotti di Matteo Renzi (“Se fosse stato progettato in questi anni, un burocrate lo avrebbe bloccato”) allo scambio di battute tra il presidente USA e il nostro Ministro dei Beni Culturali. “Minister of Culture? Great job!”


La  Pinacoteca di Bettona, in Umbria, potrebbe conservare un El Greco inedito: la discussa nuovissima attribuzione su Quotidiano Nazionale; nessun dubbio invece sull’autenticità delle opere che incantano Roma in queste settimane: recensione su Avvenire per il grande evento su Frida Kahlo. I primi 120 anni di Vogue in una mostra a Cecina e su Libero; settanta opere del Poldi Pezzoli in trasferta in Giappone con Corriere della Sera.

Richiamo in prima su La Stampa per la restituzione del Matisse rubato dai nazisti e finito a casa Gurlitt, oggi tornato ai discendenti della famiglia ebrea che lo acquistò oltre sessant’anni fa: la fortunata ereditiera è l’ex moglie di Dominique Strauss-Kahn.

Su L’Espresso la mostra di Berlinde De De Bruyckere e Philippe Vandemberger a Parigi; Ludovico Pratesi commenta per Il Venerdì Cildo Meireles all’Hangar Bicocca. Una mostra a Venezia e le indagini di Sette pongono nuovi quesiti sull’attribuzione di un Tiziano.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.