Lo Strillone: i cialtroni romani trattano Giacometti come un fermaporta, così Massimiliano Parente su Il Giornale. E poi il ricordo di Cesare Tacchi, l’omaggio di Bologna a Valvoline, la grande mostra su Augusto sbarca a Parigi…

La “cialtroneria romana” l’ha ridotto a “un fermaporta”: al punto che “uno si chiede perché il MACRO lo chiudono, non sapevano cosa farci, e infatti non ci hanno fatto granché”. Non va tanto per il sottile Massimiliano Parente, che nel cassare senza mezzi termini la mostra su Alberto Giacometti alla Galleria Borghese condivide con i […]

Quotidiani
Quotidiani

La “cialtroneria romana” l’ha ridotto a “un fermaporta”: al punto che “uno si chiede perché il MACRO lo chiudono, non sapevano cosa farci, e infatti non ci hanno fatto granché”. Non va tanto per il sottile Massimiliano Parente, che nel cassare senza mezzi termini la mostra su Alberto Giacometti alla Galleria Borghese condivide con i lettori de Il Giornale velenose considerazioni sulla cultura nella Capitale.

L’epopea di Valvoline in mostra a Bologna e su Libero mentre La Stampa segue il riallestimento del grande evento dedicato ad Augusto al Grand Palais di Parigi. Rispetto alla tappa romana c’è una sezione con cento opere in più. Ancora coccodrilli: quello per Cesare Tacchi su il manifesto è firmato da Arianna Di Genova; Avvenire torna a ricordare Cesare Segre, decano dei filologi italiani.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.