Italiani in trasferta. Ermanno Cristini esporta a Berna il progetto L’ospite e l’intruso, partito dal suo studio: ecco le immagini

La formula è semplice: un artista apre la sua casa-studio invitando un altro artista, l’ospite, a realizzare un intervento negli spazi privati del proprio laboratorio. L’invito si estende poi anche ad un altro artista, celato e invisibile: l’intruso. Parliamo del progetto L’ospite e l’intruso, ideato – è suo lo studio in questione – dall’artista Ermanno […]

La formula è semplice: un artista apre la sua casa-studio invitando un altro artista, l’ospite, a realizzare un intervento negli spazi privati del proprio laboratorio. L’invito si estende poi anche ad un altro artista, celato e invisibile: l’intruso. Parliamo del progetto L’ospite e l’intruso, ideato – è suo lo studio in questione – dall’artista Ermanno Cristini: che ora esporta il format in Svizzera, negli spazi del Progr di Berna.
In questa occasione però la formula si rovescia: l’invitato è Roberto de Luca, l’ospite, mentre Ermanno Cristini “presta” il format e gioca “fuori casa”, condividendo con altri sei artisti il ruolo di intruso. I nomi? Barbara Fässler, Paul Le Grand, Giancarlo Norese, Olivia Notaro, Antoni Pinent, Luca Scarabelli. Per capirci di più, sfogliatevi la fotogallery…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.