Cinque gallerie italiane alla prova dell’Eldorado mediorientale. L’ottava edizione della fiera Art Dubai al via al Madinat Jumeirah

In concomitanza con l’ottava edizione di Art Dubai, la città mediorientale si presenta nella sua nuova veste di capitale culturale con un ricco calendario – dal 19 al 22 marzo – di eventi e mostre che coinvolgono le istituzioni e le gallerie della regione. Anche quest’anno le gallerie degli Emirati si avranno modo di confrontarsi […]

In concomitanza con l’ottava edizione di Art Dubai, la città mediorientale si presenta nella sua nuova veste di capitale culturale con un ricco calendario – dal 19 al 22 marzo – di eventi e mostre che coinvolgono le istituzioni e le gallerie della regione. Anche quest’anno le gallerie degli Emirati si avranno modo di confrontarsi con quelle occidentali, sempre più numerose di anno in anno, alla ricerca di contatti con i ricchi collezionisti mediorientali. Ottantacinque le gallerie, provenienti da 34 paesi, che prenderanno parte alla fiera ospitata al Madinat Jumeirah di Dubai, con uno speciale focus sull’arte dell’Asia centrale e delle regioni caucasiche nella sezione intitolata Marker. Novità di quest’anno è la sezione che si rivolge all’arte moderna, con undici gallerie che presenteranno solo show di questi maestri.
Nella sezione principale dedicata al contemporaneo, spiccano gallerie internazionali del calibro di Chantal Crousel, Barbara Gladstone, Marian Goodman, Victoria Miro. Dall’Italia, la milanese Laura Bulian Gallery, con gli artisti Said Atabekov, Elisabetta Di Maggio, Alimjan Jorobaev, Taus Makhacheva, Marat Raiymkulov, Yelena & Viktor Vorobyev; Continua da San Gimignano, con una selezione di artisti asiatici assieme a italiani come Giovanni Ozzola e Michelangelo Pistoletto; da Roma Galleria Marie-Laure Fleisch con Rebecca Horn e Jorinde Voigt, e Giacomo Guidi con Gianni Piacentino; e poi da Torino Franco Noero con gli italiani Lara Favaretto e Francesco Vezzoli, assieme a Tom Burr, Gabriel Kuri e molti altri.
Art Dubai si inserisce nella più ampia Art Week, che torna per il terzo anno per promuovere le attività culturali della regione, coinvolgendo anche i centri di Abu Dhabi, Sharjah e Doha. Tra questi, una manifestazione interamente dedicata al design, Design Days Dubai, l’unica in area asiatica dedicata all’arredo, e Galleries Night, con oltre quaranta inaugurazioni di mostre museali e in galleria. Art Dubai Projects coinvolge invece dodici artisti invitati a creare installazioni, performance, video e progetti di ricerca per far interagire il pubblico con la fiera, con la curatela di Fawz Kabra.

– Martina Gambillara

www.artdubai.ae

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.