A Milano nasce Noema, galleria per collezionisti convinti o per appassionati lunatici. Fotografie da acquistare, ma anche solo da noleggiare. E poi servizi di consulenza, mostre, progetti culturali

Una formula insolita, decisamente distante dall’idea radicata di collezionismo, di mercato dell’arte, di galleria. Noema Gallery apre a Milano, nella centralissima Via Solferino,  e osa con un concetto fuori dagli standard: comprare arte, ma anche noleggiarla. Questo il concept, applicato unicamente al settore della fotografia. Tutto nasce da un’intuizione di Maria Cristina de Zuccato e Aldo Sardoni, fondatori […]

Mikhail Porollo, Goddess Alice

Una formula insolita, decisamente distante dall’idea radicata di collezionismo, di mercato dell’arte, di galleria. Noema Gallery apre a Milano, nella centralissima Via Solferino,  e osa con un concetto fuori dagli standard: comprare arte, ma anche noleggiarla. Questo il concept, applicato unicamente al settore della fotografia. Tutto nasce da un’intuizione di Maria Cristina de Zuccato e Aldo Sardoni, fondatori del progetto: perché non estendere la possibilità dell’”utilizzo” – contro quella, diffusa, del “possesso” – anche alle opere d’arte? Per tutti coloro che non vogliano per sempre una foto, ma che abbiamo l’esigenza di rinnovare temporaneamente un luogo di lavoro, un locale, un hotel, gli ambienti di un’azienda, Noema offre  degli abbonamenti annuali con la possibilità di affittare un certo numero di opere. Il tutto passando attraverso un’attenta consulenza, sia nella fase di scelta che in quella dell’allestimento, trovandosi in mano lavori già incorniciati, assicurati, in edizione limitata e coperti da copyright. Un modo, in fondo, per affezionarsi a un’opera, tenerla vicino e valutare con calma la possibilità d’acquistarla.
E chi invece volesse subito comprare, come da tradizione? Sarà naturalmente possibile, così come sarà possibile prendere parte ad attività culturali, incontri, mostre, o ancora partecipare a un premio di fotografia e a un bando per una borsa di studio, istituiti dalla galleria.
Non manca infine la sensibilità per il sociale e la vocazione per progetti a sfondo benefico:  Feed  Your Eyes, mostra inaugurale, presenta i primi sette fotografi coinvolti – Gianluigi Di Napoli, Frederic Fontenoy, Mikhail Porollo, Alessandro Rizzi, Aldo Sardoni, Vladimir Seleznev, Massimo Siragusa, Sanda Vitorovic – e destina parte de ricavato delle vendite alla causa dei bambini maltrattati, attraverso la Onlus CAF, attiva sul territorio di Milano tramite una casa di accoglienza per minori destinati all’affido.

– Helga Marsala

Feed  Your Eyes
11 marzo 2014 – ore 18.30/22
Noema Gallery – Via Solferino ang. Castelfidardo, Milano

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Jacopo

    Era l’ora che qualcuno proponesse Artsicle in Italia, congrats