Nell’art week di New York torna anche The Independent: quinta edizione in crescita per la fiera, con quasi sessanta gallerie presenti, tre in arrivo dall’Italia

Ha solo quattro anni, fondata nel 2010 dai galleristi Elizabeth Dee e Darren Flook, ma si è già guadagnata un posto fisso nel novero delle fiere collaterali, con grandi ambizioni di competere per crescere ancora. Nell’Armory Week newyorkese non si può non anticipare qualcosa di The Independent, anch’essa pronta al via – dal 6 al […]

Ha solo quattro anni, fondata nel 2010 dai galleristi Elizabeth Dee e Darren Flook, ma si è già guadagnata un posto fisso nel novero delle fiere collaterali, con grandi ambizioni di competere per crescere ancora. Nell’Armory Week newyorkese non si può non anticipare qualcosa di The Independent, anch’essa pronta al via – dal 6 al 9 marzo – nell’edificio di Chelsea precedentemente occupato dalla Dia Art Foundation. Gallerie in crescita, sia a livello numerico – 56, contro le 40 del 2013 – che qualitativo, con qualche big e molti espositori più giovani e intraprendenti: da Sprüth Magers (Berlino/Londra) a Michael Werner (Londra/New York), ancora i newyorkesi Gavin Brown’s enterprise, Andrew Kreps, Maccarone, Peres Projects e Supportico Lopez da Berlino, Balice Hertling da Parigi, The Modern Institute da Glasgow. Tre le gallerie italiane, ma anche qui presenze di prestigio, dalle milanesi Gió Marconi e kaufmann repetto a Franco Noero, da Torino.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.