Tutti i numeri e i nomi di Miart 2014. Milano vuole essere capitale dell’arte e ci riprova con la sua fiera. Qualche riflessione statistica sulle novità

“Milano durante miart rivela in tutta la sua pienezza il ruolo di capitale d’arte e innovazione, di cultura e avanguardia, di tradizione e sperimentazione”. Le parole dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno riassumono con efficacia il piglio con il quale miart – la fiera meneghina in programma fra il 27 e il 30 marzo a […]

Milano durante miart rivela in tutta la sua pienezza il ruolo di capitale d’arte e innovazione, di cultura e avanguardia, di tradizione e sperimentazione”. Le parole dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno riassumono con efficacia il piglio con il quale miart – la fiera meneghina in programma fra il 27 e il 30 marzo a fieramilanocity – si approccia alla sua diciannovesima edizione. Saranno 148 le gallerie internazionali – fra arte moderna, contemporanea, design – presenti, delle quali 60 estere, provenienti da 20 Paesi del mondo, e rappresenteranno il 45% delle partecipazioni alla fiera, diretta ancora da Vincenzo de Bellis.
Qualche osservazione spulciando l’elenco degli espositori (lo trovate sotto, completo)? Nel 2014 ci saranno al debutto grandi partecipazioni internazionali – in totale i nuovi espositori saranno 62 – come Modern Institute / Toby Webster, Lisson, Thaddaeus Ropac, Eva Presenhuber, Sprovieri, Standard (Oslo). E tante anche le novità dal panorama nazionale, da Alfonso Artiaco a Bianconi, Riccardo Crespi, Magazzino, Lorcan O’ Neill. Non mancano le gallerie che proprio a Milano partecipano per la prima volta ad una fiera: le londinesi Rod Barton, Supplement, Project Native Informant, le berlinesi Lars Friedrich e Dan Gunn, David Lewis da New York, Gasconade da Milano. Come anticipato, di seguito l’elenco completo…

A Palazzo, Brescia | Ancient & Modern, London | AMT, Bratislava | Aria d’Italia, Milano | Arte 92, Milano | Arte Centro – Lattuada Studio, Milano-New York | Artesilva, Seregno | Alfonso Artiaco, Napoli | Enrico Astuni, Bologna | Laura Bartlett, London | Rod Barton, London | Galleria Bergamo, Bergamo | Bianconi, Milano | Blu, Milano | BolteLang, Zurich | Thomas Brambilla, Bergamo | Brand New Gallery, Milano | Sandy Brown, Berlin | Brundyn + Gonsalves, Cape Town | Ca’ di Fra’, Milano | Cardelli & Fontana, Sarzana | Cardi, Milano-Pietrasanta | Carlos / Ishikawa, London | Centro Steccata, Parma-Milano | Circus, Berlin | Claudio Poleschi Arte Contemporanea, Lucca | Clifton Benevento, New York | CLEARING, Brooklyn-Brussels | Collicaligreggi, Catania | Contini, Venezia-Cortina d’Ampezzo-Mestre | Continua, San Gimignano-Beijing-Le Moulin | Raffaella Cortese, Milano | Cortesi Contemporary, Lugano | Guido Costa Projects, Torino | Riccardo Crespi, Milano | Studio Dabbeni, Lugano | Monica De Cardenas, Milano-Zuoz | Massimo De Carlo, Milano-London | Luisa Delle Piane, Milano | Demosmobilia, Chiasso | Dep Art, Milano | Design Gallery Milano, Milano | DIE GALERIE, Frankfurt | Dilmos, Milano | Anat Ebgi, Los Angeles | Eidos Immagini Contemporanee, Asti | Erastudio, Milano | Essex Street, New York | Isabelle van den Eynde, Dubai | Fabbrica Eos, Milano | Frediano Farsetti, Firenze | Fluxia, Milano | Foxy Production, New York | Freedman Fitzpatrick, Los Angeles | Freymond Guth, Zurich | Lars Friedrich, Berlin | Frittelli Arte Contemporanea, Firenze | Frutta, Roma | Fumagalli, Milano | Gariboldi, Milano | Gasconade, Milano | Gaudel de Stampa, Paris | François Ghebaly, Los Angeles | Studio Guenzani, Milano | Dan Gunn, Berlin | Andreas Huber, Wien | L’Incontro, Chiari | A arte Studio Invernizzi, Milano | kaufmann repetto, Milano | Kendall Koppe, Glasgow | Andrew Kreps, New York | Matteo Lampertico, Milano | Laveronica, Modica | Elaine Levy Project, Brussels | David Lewis, New York | Josh Lilley, London | Lisson Gallery, London-Milano-New York-Singapore | Lorenzelli Arte, Milano | Luce, Torino | Magazzino, Roma | Main Gallery, Tirana-Los Angeles | Gió Marconi, Milano | Primo Marella, Milano | Mary Mary, Glasgow | Mathew, Berlin | Mazzoleni, Torino | Meyer Riegger, Berlin-Karlsruhe | Francesca Minini, Milano | Massimo Minini, Brescia | The Modern Institute / Toby Webster, Glasgow | Monitor, Roma | Nero, Arezzo | NON, Istanbul | Nuova Galleria Morone, Milano | Lorcan O’Neill, Roma | OHWOW, Los Angeles | Open Art, Prato | P420, Bologna | Francesco Pantaleone, Palermo | Peres Projects, Berlin | Plan B, Cluj-Berlin | Poggiali e Forconi, Firenze | Poleschi Arte, Milano-Forte dei Marmi-Lucca | Praxis, Buenos Aires-New York | Eva Presenhuber, Zurich | Progettoarte-elm, Milano | Project Native Informant, London | prometeogallery, Milano | Proposte d’Arte, Legnano | Raucci/Santamaria, Napoli | Repetto, Acqui Terme-Milano | Michela Rizzo, Venezia | Robilant+Voena, London-Milano | Thaddaeus Ropac, Paris-Salzburg | Lia Rumma, Milano-Napoli | Studio SALES di Norberto Ruggeri, Roma | Federica Schiavo, Roma | Libby Sellers, London | Micky Schubert, Berlin | Mimmo Scognamiglio, Milano | SMAC Art Gallery, Cape Town-Stellenbosch | Southard Reid, London | Spazia, Bologna | SpazioA, Pistoia | Sprovieri, London-Rio de Janeiro | Standard (Oslo), Oslo | Gregor Staiger, Zurich | Studio Marconi ‘65, Milano | Supplement, London | Swing, Benevento | T293, Napoli-Roma | Talents Design, Tel Aviv | Tega, Milano | The Gallery Apart, Roma | Tonelli, Milano | Tornabuoni Arte, Firenze-Portofino-Forte dei Marmi-Paris | Toselli, Milano | Steve Turner Contemporary, Los Angeles | Valmore Studio d’Arte, Vicenza | Federico Vavassori, Milano | VI, VII, Oslo | Vilma Gold, London | Jonathan Viner, London | Studio Giangaleazzo Visconti, Milano | Vistamare, Pescara | Whatiftheworld, Cape Town | VeneKlasen/Werner – Michael Werner Gallery, Berlin-New York-London | ZERO…, Milano

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.