Tempo di design week: dopo l’appuntamento parigino con Maison&Object, la staffetta passa a Stoccolma. Eccellenze del design, compreso un festival tutto italiano…

Si chiama Tempo Italiano il festival del design contemporaneo tricolore che si terrà durante la Stockholm Design Week dal 4 al 7 febbraio 2014. Un evento nell’evento che punta a far riconoscere la progettazione “Made in Italy”. Le diverse realtà del design italiano in mostra offrono uno spaccato della situazione produttiva in Italia, dei valori che […]

Si chiama Tempo Italiano il festival del design contemporaneo tricolore che si terrà durante la Stockholm Design Week dal 4 al 7 febbraio 2014. Un evento nell’evento che punta a far riconoscere la progettazione “Made in Italy”. Le diverse realtà del design italiano in mostra offrono uno spaccato della situazione produttiva in Italia, dei valori che risiedono alla base di ogni progetto e del rispetto dell’ambiente. Una selezione di oggetti fatta attraverso il filo conduttore del tempo; che sia il ciclo di vita di un prodotto, o le ore impiegate per la realizzazione o ancora il momento dell’ideazione, il tempo è sempre un fattore determinante  per la progettazione. Non a caso la cornice dell’esposizione sarà l’Istituto Italiano di Cultura a Stoccolma, interpretato dal Giò Ponti negli anni ’50 e contenente pezzi unici e modelli dell’architetto italiano.
Indicativo il progetto Re Fire di Francesco Faccin, che verrà presentato in anteprima con una performance il 5 febbraio, un vero e proprio kit per accendere il fuoco. “Con questo progetto”, spiega Faccin, “è possibile creare il fuoco con le proprie mani, in modalità primitiva. Ricominciamo dal fuoco, l’elemento simbolico che ha tolto l’uomo primitivo dalla dimensione animalesca e proiettandolo verso il futuro di strabilianti innovazioni. Il fuoco è stato inventato e non scoperto perché esiste già in natura ma occorre saperlo ‘produrre’. Ecco che qui inizia il progetto, l’affinamento delle abilità, la capacità di visione, il superamento delle difficoltà.”
E le aziende? Presenti a Tempo Italiano Antonio Aricò, Attico I Cristina Celestino, Clara Pozzetti, Dario Cecchini, Duccio Maria Gambi, Estel, Francesco Faccin, GamFratesi, G.T. Design, Ilpo, Internoitaliano, Lanzavecchia + Wai, RestartMilano, Serralunga, Slowd, Stefano Pugliese, Tobeus, Valcucine e Valerio Cometti+V12 Design.

– Simone Zeni

CONDIVIDI
Simone Zeni
Giornalista e curatore indipendente specializzato in arte e viaggi, vive a Milano. Scrive su numerose testate tra cui: style.it, Wu Magazine, wired.it, Business People, Club Milano, Partiamo. Ha collaborato con Benedetta Mazzini ai progetti Wild Places Safaris e Ultimate Places. E' responsabile narrativa per Pizza Magazine. Tra le mostre curate di recente: Da Fuori (Castello Sforzesco, Vigevano, 2015), Pneuma03 (PlasMa, Milano, 2015).