Nasce Art Unveiled, programma di visite guidate elaborato da Biagiotti Progetto Arte e gli Hotel St. Regis: un grand tour del contemporaneo, studiato per il turismo straniero di fascia alta. Si parte da Roma e Firenze

A qualcuno piace contemporanea, l’arte. Parliamo di un target internazionale, con disponibilità di spesa importante, per cui la vacanza in Italia è sì uno status symbol da onorare ma non per questo un’infilata di cliché da cartolina: Uffizi, Colosseo, giretto in gondola e pizza ‘ncopp ‘o Vesuvio. Nasce allora l’esigenza di dare un’idea di sistema, […]

L'hotel St. Regis a Roma

A qualcuno piace contemporanea, l’arte. Parliamo di un target internazionale, con disponibilità di spesa importante, per cui la vacanza in Italia è sì uno status symbol da onorare ma non per questo un’infilata di cliché da cartolina: Uffizi, Colosseo, giretto in gondola e pizza ‘ncopp ‘o Vesuvio. Nasce allora l’esigenza di dare un’idea di sistema, di rete, di tessuto. Un prodotto – perché di questo si parla: di un servizio che viene venduto – che risponda alla domanda del turista di fascia alta, cresciuto a pane e Whitney, ammirato e affascinato dalle vestigia del passato ma altrettanto incuriosito da cosa succede oggi tra musei, gallerie e collezioni del Bel Paese. Si chiama Art Unveiled il pacchetto ideato da Caterina Diana Biagiotti, direttore di Biagiotti Progetto Arte, costruito in risposta alla domanda degli ospiti degli hotel St. Regis, storiche strutture di accoglienza di Roma e Firenze. Si creano così tour che portano i visitatori nei musei e le kunsthalle delle due città e delle immediate vicinanze – MACRO e MAXXI, Strozzina e Pecci – per esclusive visite guidate e incontri con i curatori delle mostre; si inseriscono nel giro location fuori dagli schemi tradizionali, come il Castello di Ama e il Pastificio Cerere, ma anche tappe in galleria. Vuoi mai che il turista decida di tornarsene a casa con un souvenir…
Un progetto ai blocchi di partenza, pronto ad essere implementato. Perché se è vero che tutto ruota attorno ai pernottamenti a Roma e Firenze, è altrettanto vero che le distanze in Italia sono tutto meno che impossibili: e così, già ora su richiesta, è possibile studiare spostamenti calibrati su misura in altre piazze. Gettando il seme per un circolo virtuoso che rinfreschi il mito del grand tour, creando business attorno al contemporaneo.
http://www.artunveiledinitaly.com

Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.