Madrid Updates: sostanziale delusione, con poche eccezioni, per i galleristi italiani ad Arco. La fiera è bella, ma si vende poco e non si fanno tanti contatti. Ecco le video interviste

Tutto bello, ma difficilissimo vendere qualcosa. La sezione sperimentale e “curated”, ovvero Opening, non è stata tanto soddisfacente perché se per le vendite non c’erano tante aspettative, almeno ce n’erano per quanto riguarda i contatti, il passaggio dei curatori. E invece niente. E poi sono mancate le istituzioni, con i loro acquisti. Insomma la bella […]

Tutto bello, ma difficilissimo vendere qualcosa. La sezione sperimentale e “curated”, ovvero Opening, non è stata tanto soddisfacente perché se per le vendite non c’erano tante aspettative, almeno ce n’erano per quanto riguarda i contatti, il passaggio dei curatori. E invece niente. E poi sono mancate le istituzioni, con i loro acquisti. Insomma la bella edizione di Arco 2014 non è stata particolarmente soddisfacente, almeno a sentire il parere dei tanti galleristi italiani presenti, anche per quanto riguarda il mercato. Con l’eccezione della Galleria Trisorio di Napoli la quale, con una solida base di clientela in Spagna, se l’è cavata bene. Tanti galleristi italiani nel quartiere fieristico madrileno, dicevamo, eccone sei ai nostri microfoni nel video.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Giampaolo Abbondio

    Buttati soldi per tre anni, poi ci ho rinunciato…