Lo Strillone: Vienna e Berlino secondo Alberto Arbasino, nostalgie “secessioniste” su La Repubblica. E poi Salgado ai Tre Oci, l’estetica del lavoro al MAST di Bologna, un nuovo direttore per la Reggia di Caserta…

Vienna vista da Berlino: suggestioni espressioniste e secessioniste su La Repubblica, con Alberto Arbasino che parte dalla mostra su Klimt e soci da poco chiusa alla Berlinische Galerie per una ricca e articolata riflessione sul gusto tardo ottocentesco. Come spiegare la portata di un ritratto di Rembrandt ai bambini? Tomaso Montanari tenta l’impresa su Il […]

Quotidiani
Quotidiani

Vienna vista da Berlino: suggestioni espressioniste e secessioniste su La Repubblica, con Alberto Arbasino che parte dalla mostra su Klimt e soci da poco chiusa alla Berlinische Galerie per una ricca e articolata riflessione sul gusto tardo ottocentesco. Come spiegare la portata di un ritratto di Rembrandt ai bambini? Tomaso Montanari tenta l’impresa su Il Fatto Quotidiano.

Salgado alla Casa dei Tre Oci di Venezia su Quotidiano Nazionale; fotografia anche per La Stampa: report dal MAST di Bologna, con la mostra dedicata all’estetica del lavoro.

Un nuovo direttore per la Reggia di Caserta: Corriere della Sera presenta Antonella Cuciniello, storica dell’arte in forze alla Soprintendenza di Salerno dislocata in attesa che entri in funzione il nuovo soggetto amministrativo chiamato a dirigere insieme alla Reggia l’intero Polo museale napoletano.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.