Lo Strillone: La Repubblica ritrova il Fontana rubato al Pecci di Milano. E poi l’anniversario della morte di Michelangelo, restauri al Camposanto di Pisa, le stampe di Luigi Rossini in mostra a Chiasso…

Rispunta su La Repubblica il Fontana rubato al Pecci di Milano: era in un’auto abbandonata davanti al Cimitero Maggiore. Secondo gli inquirenti potrebbe essere “stato fatto trovare”… troppo difficile piazzare sul mercato nero un’opera così famosa e dunque appariscente. Ha la firma di Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani e Soprintendente del Polo museale fiorentino, […]

Quotidiani
Quotidiani

Rispunta su La Repubblica il Fontana rubato al Pecci di Milano: era in un’auto abbandonata davanti al Cimitero Maggiore. Secondo gli inquirenti potrebbe essere “stato fatto trovare”… troppo difficile piazzare sul mercato nero un’opera così famosa e dunque appariscente. Ha la firma di Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani e Soprintendente del Polo museale fiorentino, il pezzo con cui Quotidiano Nazionale ricorda i 450 anni dalla morte di Michelangelo.

Popkov a Ca’ Foscari per le recensioni de il manifesto; Pietro Finelli dipinge pensando ai noir Anni Cinquanta: le sue opere in mostra a Milano e su Libero. Una breve su Il Giornale per ricordare il restauro degli affreschi del Camposanto di Pisa; Pawel Althamer al New Museum tiene banco su La Stampa, mentre Corriere della Sera si sposta a Chiasso. Reminiscenze piranesiane nelle stampe di Luigi Rossini, cugino del compositore.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.