Idea Finesettimana. Venerdì romano, con i maestri dell’Impressionismo: il Musée d’Orsay ospite del Vittoriano. Mentre da Indipendenza è di scena il concettualismo di Adriana Lara

Dopo la grande mostra dedicata a Cézanne e al suo influsso sugli artisti italiani del Novecento, il Complesso del Vittoriano ospita, da venerdì 21 febbraio, il progetto “Capolavori dal Musée d’Orsay”, continuando il suo percorso tra i grandi nomi della storia dell’arte moderna e contemporanea. A Roma, dunque, si concentra la nostra proposta per questo finesettimana. Per […]

Paul Gauguin, Le repas (ou Les Bananes), 1891

Dopo la grande mostra dedicata a Cézanne e al suo influsso sugli artisti italiani del Novecento, il Complesso del Vittoriano ospita, da venerdì 21 febbraio, il progetto “Capolavori dal Musée d’Orsay”, continuando il suo percorso tra i grandi nomi della storia dell’arte moderna e contemporanea. A Roma, dunque, si concentra la nostra proposta per questo finesettimana. Per la prima volta arriva nella Capitale un corpus di settanta opere importanti, realizzate tra il 1848 e il 1914 dai grandi maestri francesi, da Gauguin a Monet, da Degas a Sisley, daPissarro Van Gogh, da Manet a CorotSeurat e molti altri. Ritratti, paesaggi, scene di vita quotidiana,  rappresentazioni iconiche di un periodo storico che ha prodotto alcune tra le più grandi eccellenze pittoriche europee. Partendo dalla pittura accademica dei Salon, attraversando la rivoluzione retinica degli Impressionisti, e arrivando alle intuizioni dei Nabis e dei Simbolisti, il percorso espositivo, curato daGuy Cogeval e Xavier Rey, si articola in quattro sezioni ed è preceduto da una presentazione inedita della storia del Musée d’Orsay: un viaggio affascinante per scoprire come un’ex stazione ferroviaria nel cuore di Parigi sia divenuta uno dei musei più importanti al mondo, come si sono sviluppate le sue collezioni e come Gae Aulenti, nel 1986, progettò un allestimento museografico che ne rinnovò spazi e carattere.

Adriana Lara, Banana Peel, 2008
Adriana Lara, Banana Peel, 2008

Restando a Roma, sempre venerdì, con un balzo radicale si arriva negli ampi spazi di Indipendenza, dove l’artista messicana Adriana Larainaugura la sua personale, curata da Eva Svennung. Lavori noti, insieme ad altri realizzati per l’occasione, restituiscono la cifra concettuale dell’artista, tra video, pittura, scultura, installazione. Indagando i rapporti tra forma e contenuto, linguaggio e significato, Lara capovolge e mette in discussione formule e sintassi consuete, usando simboli, forme, testi, teorie, strutture, come contenitori di un senso a volte sottratto, a volte tradito, a volte sorprendente.

– Helga Marsala

www.comunicareorganizzando.it

www.indipendenzaroma.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.