Metti una sera a casa di IABO. Qando il ristorante è d’artista: nasce Ars Kitchen, cene speciali in diretta streaming, con menu creativi e attenzione al design

Arte e food, il binomio che piace e che resiste, in mille forme diverse. Folgorato sulla via del cibo creativo è stavolta IABO – un background da writer e un presente da artista e musicista – appassionatosi al format degli home restaurant, ristoranti inaugurati in case private, negli ultimi anni diffusi in tutto il mondo. […]

Ars Kitchen

Arte e food, il binomio che piace e che resiste, in mille forme diverse. Folgorato sulla via del cibo creativo è stavolta IABO – un background da writer e un presente da artista e musicista – appassionatosi al format degli home restaurant, ristoranti inaugurati in case private, negli ultimi anni diffusi in tutto il mondo. La sfida: escludendo la tradizionale situazione dell’opening in galleria, IABO s’inventa Ars Kitchen , un ciclo di serate di “social eatig”. La sua bella casa/studio napoletana, nel quartiere di Capodimonte,  si trasforma così in un “ristoart”. Vista mozzafiato sulla città e un ambiente confortevole per accogliere gli ospiti, seducendoli a suon di ricette e suggestioni visive.
I menu sono infatti rigorosamente d’artista, confezionati dal padrone di casa su ispirazione della classica cucina italiana e partenopea, opportunamente reinventata: c’è ad esempio il Lemon Flava, con manicaretti a base di fragranze d’agrumi ed essenza di limone, oppure Al diavolo il pomodoro, con portate tutte piccanti. Prioritaria l’attenzione all’estetica, includendo gli arredi – con tanto di opere d’arte alle pareti – l’allestimento della tavola, l’aspetto delle pietanze  e il graphic design scelto per la comunicazione. Tutto cromaticamente orientato, col tema del rosso a dominare spazi e dettagli.
E non manca l’aspetto “performativo”: su consenso dei convitati, la cena viene documentata da foto e video, grazie a una webcam installata in cucina e collegata al sito ufficiale di Ars Kitchen. Serata, quindi, da spiare via web, grazie alla diretta streaming. Posti limitati, per atmosfere raccolte che favoriscano la conversazione: da un tête-à-tête per soli due ospiti, fino a un massimo di sei persone. Obbligatorio prenotare, indispensabile sperimentare. Aguzzando i sensi.

– Helga Marsala

 

 

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.