Lo Strillone: su Italia Oggi ai tedeschi piace Pompei in mostra a Colonia, ma non come gestiamo il nostro patrimonio. E poi D’Annunzio aviatore in mostra a Trento secondo Sgarbi, in centomila aspettano Vermeer a Bologna, arte degenerata a New York…

Croci e delizie archeologiche su Italia Oggi, che racconta della mostra fotografica che esalta a Colonia le aree archeologiche nostrane. Senza esimersi dallo scatenare riflessioni e polemiche, in Germania, sulla nostra gestione del patrimonio culturale: partendo dal Colosseo e finendo inesorabilmente a Pompei. Guarda al passato anche Avvenire: nuove tesi critiche retrodatano la nascita dell’arte […]

Quotidiani
Quotidiani

Croci e delizie archeologiche su Italia Oggi, che racconta della mostra fotografica che esalta a Colonia le aree archeologiche nostrane. Senza esimersi dallo scatenare riflessioni e polemiche, in Germania, sulla nostra gestione del patrimonio culturale: partendo dal Colosseo e finendo inesorabilmente a Pompei. Guarda al passato anche Avvenire: nuove tesi critiche retrodatano la nascita dell’arte cristiana al II secolo.

Vale tanto quanto una performance il volo su Vienna di Gabriele D’Annunzio: il Vate aviatore è in mostra a Trento, con pezzo firmato da Vittorio Sgarbi su Il Giornale. Sessant’anni di mamma RAI su Libero, con l’esposizione romana che celebra la nascita della tv all’italiana; Quotidiano Nazionale e Corriere della Sera lanciano la grande retrospettiva sul Liberty di Forlì.

Centomila prenotazioni per La ragazza con l’orecchino di perla in mostra a Bologna, con La Stampa scalda i motori per l’evento dell’anno.

Settimanali:su Panorama la recensione dell’ultimo Sgarbi, Il Venerdì dedica spazio a Micol Assaël all’Hangar Bicocca. L’Epresso vola New York per la retrospettiva dedicata a quella che fu considerata arte degenerata; Sette aggiorna sulle novità da Venezia, tra Léger al Museo Correr e le ultime dalla Guggenheim.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.