Il valore aggiunto della cultura? Il doppio delle telecomunicazioni, sette volte quello dell’industria automobilistica. Se ne accorge la Francia, che prepara strategie comuni cultura-economia

Il termine cultura, è bene chiarirlo subito, in questo caso abbraccia un ampio spettro di attività, dallo spettacolo dal vivo al patrimonio, dalle arti visive alla stampa, editoria, audiovisivi, pubblicità, architettura, cinema, industria dell’immagine e del suono. Eppure, non possono non far riflettere i risultati dello studio congiunto promosso dai ministeri della cultura e dell’economia […]

Aurèlie Filippetti

Il termine cultura, è bene chiarirlo subito, in questo caso abbraccia un ampio spettro di attività, dallo spettacolo dal vivo al patrimonio, dalle arti visive alla stampa, editoria, audiovisivi, pubblicità, architettura, cinema, industria dell’immagine e del suono. Eppure, non possono non far riflettere i risultati dello studio congiunto promosso dai ministeri della cultura e dell’economia in Francia: obbiettivo analizzare un settore produttivo in cui lo Stato ha investito nel 2012 – ultimo dato disponibile – quasi 14 miliardi di euro.
Il dato più eclatante? Tutte queste attività in un anno presentano un valore aggiunto di 57,8 miliardi di euro, il doppio delle telecomunicazioni (25,5 miliardi), sette volte quello dell’industria automobilistica (8,6 miliardi di euro). Ed ecco le dichiarazioni del ministro della Cultura, Aurélie Filippetti, che faranno sdegnare i soliti spiriti belli italici, quelli del denaro cacca del diavolo, del “con la cultura non si mangia”, i nemici di mr. McDonald Mario Resca: “Un approccio comune tra i due reparti, con base statistica incontestabile, è sembrato molto importante per riconoscere l’importanza economica della cultura”.
Nel campo della cultura e comunicazione nel 2012 lo Stato francese ha investito 13,9 miliardi di euro (11,6 miliardi di bilancio, 1,4 miliardi di spese fiscali e 0,9 miliardi assegnati a diversi organismi tasse redistributive), ai quali – capillarità, forza dei transalpini – gli enti locali hanno aggiunto circa 7,6 miliardi. “Prospettive? È fondamentale sviluppare gli strumenti della politica culturale nell’era digitale”, dice la Filippetti.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.