Il meteo degli art maniac: a Bologna autunno in piena regola fino a venerdì. Nel weekend sereno e un po’ di freddo

Ma insomma, arriva o non arriva l’inverno? È la domanda che si pongono un po’ tutti in Italia, e in particolare gli art maniac, in procinto di raggiungere Bologna per il consueto appuntamento di inizio anno con ArteFiera, abituati come sono all’evenienza neve. Siamo infatti quasi arrivati ai famigerati “giorni della merla”, ma di giornate […]

Bologna coperta di neve

Ma insomma, arriva o non arriva l’inverno? È la domanda che si pongono un po’ tutti in Italia, e in particolare gli art maniac, in procinto di raggiungere Bologna per il consueto appuntamento di inizio anno con ArteFiera, abituati come sono all’evenienza neve. Siamo infatti quasi arrivati ai famigerati “giorni della merla”, ma di giornate fredde per ora se ne sono viste pochine e solo a inizio dicembre: in genere un’egemonia di aria tiepida oceanica sul Mediterraneo non dura così a lungo in inverno, senza un qualche break. Diciamo allora che sì, l’inverno sta arrivando, ma lentamente. In questo quadro, la settimana in corso vedrà un primo mutamento, in termini però ancora poco significativi, con uno snodo atteso nella giornata di venerdì. In sintesi: fino a quel giorno nella città felsinea c’è da attendersi un’atmosfera autunnale, con alta probabilità di pioggia e temperature relativamente miti (fino a 10 gradi durante il giorno); poi, a partire da sabato, aria finalmente più secca e fresca (comunque non sotto lo zero termico), e un soleggiamento che dovrebbe durare fino a lunedì. Difficile dunque che in città nevichi.

– Pericle Guaglianone

CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.